Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, il Comune vuole riaprire il circolo di lettura

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

Era uno degli spazi più raffinati della città, destinato ad accogliere balli, concerti ma anche presentazioni di libri, convegni e altro. Il circolo di lettura, finemente arredato, era uno scrigno all’interno di un gioiello qual è il teatro Flavio Vespasiano, che ospitava a sua volta la sala degli Specchi, una stanza decorata sulle pareti da grandi specchi e sul soffitto dalla pittura allegorica Le ebbrezze della musica di Giulio Rolland. 

 

Era perché da oltre 10 anni quegli spazi patrimonio della città sono chiusi al pubblico e in attesa di essere recuperati per tornare ad essere un contenitore culturale di cui oggi più che mai si sente tanto il bisogno, dopo oltre un anno e mezzo in cui anche e soprattutto la cultura ha dovuto cedere il passo alle restrizioni disposte per arginare la pandemia.  Ma qualcosa si sta muovendo perché - dopo la realizzazione delle sale di produzione e prova (“che trasformerà finalmente il Flavio Vespasiano in un teatro di produzione” dice l’assessore alla Cultura, Gianfranco Formichetti) e gli interventi per l’allestimento del cortile esterno su largo Cairoli, per un valore di 800 mila euro, il cui inizio, a detta dell’assessore ai Lavori pubblici, Antonio Emili, dovrebbe essere questione di giorni –, l’Amministrazione comunale sta cercando di reperire le risorse necessarie per il recupero del circolo di lettura. 

 


 

“Due le possibilità su cui stiamo lavorando – sottolinea Emili -: la prima attiene al programma già finanziato dalla Regione per il teatro e attraverso cui ottenere i fondi che servono per questi ulteriori interventi, mentre la seconda è legata al bando ‘rigenerazione urbana’ del Governo, in ordine al quale abbiamo già chiesto - informa l’assessore -, un finanziamento di 20 milioni di cui 2,5 dedicati alla riqualificazione di immobili di valore monumentale di proprietà comunale, tra i quali c’è il circolo di lettura”. 
“Entro l’anno – aggiunge Emili –, avremo la risposta sul finanziamento e a inizio 2022 potremmo procedere con l’incarico di progettazione”. 
Una gran bella notizia nel caso si confermasse l’arrivo dei 20 milioni e l’avvio della progettazione per recuperare il circolo di lettura. 
“Riqualificare il teatro – conclude l’assessore ai Lavori pubblici –, è sempre stato uno dei nostri più importanti obiettivi, che stiamo cercando di perseguire sfruttando ogni possibilità di reperire risorse che ci si presenta. Il circolo di lettura è un ulteriore tassello - precisa infine l’amministratore comunale di Rieti -, di questo prezioso mosaico a cui il Comune ormai sta lavorando da tempo”.