Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nazzano, maestra morta nel Tevere. Il paese piange Brunilde Pace di 74 anni

  • a
  • a
  • a

Termina nel più tragico dei modi la ricerca di Brunilde Pace, 74enne ex maestra elementare di Nazzano, conosciuta da tutti nel piccolo borgo al confine tra le province di Roma e Rieti, trovata senza vita nel fondo del Tevere nella notte tra domenica e lunedì. Il corpo della donna è stato ripescato dai sommozzatori dei vigili del fuoco, al termine di una ricerca durata diverse ore, nata dalla segnalazione di un residente della zona, che ha notato l’auto della donna, una Ford Ka nera, proprio a ridosso della sponda del fiume, in località porto di Nazzano. Nei pressi della vettura sono poi state rinvenute anche le scarpe della maestra, raccolte dai carabinieri della stazione di Torrita Tiberina, che ora indagano sulla scomparsa e sul decesso di Brunilde Pace, su input della Procura della Repubblica.

 

Al momento gli investigatori non escludono alcuna ipotesi, in attesa che l’autopsia disposta sul corpo della 74enne faccia luce non solo sulle effettive cause del decesso, ma soprattutto sulla presenza di eventuali elementi che possano suffragare una delle piste, quella di un’aggressione. Più probabile, almeno secondo gli elementi raccolti finora dagli inquirenti, che si configuri il quadro di un gesto volontario, anche se tra gli abitanti di Nazzano se ne ignora completamente una eventuale motivazione.

 

La donna, infatti, era in ottime condizioni di salute, e attorno alla famiglia, almeno da quanto si è potuto apprendere finora, non vige alcun sospetto di situazioni di particolare criticità. Brunilde Pace era conosciuta e stimata da tutti, non solo per il ruolo di insegnante ormai in pensione, ma anche per la vita attiva condotta nel borgo. Per questo la sua scomparsa, nella mattinata di sabato, aveva fatto scattare da subito un allarme generale tra la comunità, che si era mobilitata sia nelle piazze reali di Nazzano, che in quelle virtuali, per aiutare le forze dell’ordine nelle ricerche. Un cartello con la foto della donna, e soprattutto dell’auto, è stato determinante ai fini del ritrovamento, perché è stata proprio l’utilitaria ad essere stata riconosciuta dal residente, che ha immediatamente allertato i soccorsi. “L’amministrazione comunale si stringe al dolore della famiglia Pace-Caserio per la perdita della cara Brunilde, per tutti la maestra Brunilde – scrive in una nota ufficiale l’amministrazione comunale di Nazzano - la cara Brunilde ha accompagnato nel percorso scolastico tanti alunni e diverse generazioni con devozione e amore per l’insegnamento. Il nostro pensiero va a lei e alla famiglia”.