Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, scuola: ritorno in classe per 18.842 studenti

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Sembra essere tutto pronto per accogliere tra i banchi di scuola di Rieti e provincia 18.842 alunni di ogni ordine e grado ed oltre 2600 docenti.  Il problema annoso della mancanza di docenti sembrerebbe essere stato risolto quest’anno, con 2085 insegnanti di ruolo e oltre 500 docenti incaricati che hanno già preso servizio.  Nella scuola dell’infanzia gli alunni su tutto il territorio sono 2631, di cui 846 solo a Rieti. Per la scuola primaria invece si parla di 5366 bambini di cui 1780 nel capoluogo. Per la scuola secondaria di primo e secondo grado gli studenti saranno rispettivamente 3658 e 7187 mentre a Rieti frequenteranno le medie 1385 ragazzi mentre le superiori vedranno tra i banchi 4203 studenti. Per l’anno in corso sono 72 i bambini della scuola dell’infanzia per i quali è stato richiesto il sostegno ed i numeri crescono negli altri ordini di scuola: 279 per la primaria, 169 per la secondaria di primo grado e 285 per quella secondaria di secondo grado. Un totale di 805 alunni. Un dato che risulta essere in crescita rispetto al passato considerando che, ad oggi, alcuni studenti sono ancora in attesa di acquisire dalle Asl di competenza la documentazione attestante lo stato di disabilità. 

 

Il Dirigente dell'ufficio scolastico provinciale di Rieti, Michele Donatacci, “augura a tutta la comunità scolastica un anno di gioiosa collaborazione e condivisione di obiettivi, in un tempo difficile, ma al contempo gravido di sfide, come quello attuale, segnato dalla pandemia".  Per quest’anno scolastico ormai imminente la parola d’ordine è sicuramente green pass. La certificazione dovrà essere in regola per tutto il personale scolastico ma servirà a chiunque debba accedere in qualsiasi plesso scolastico. Pronta anche la piattaforma, grazie alla collaborazione fra Ministero dell’Istruzione e Ministero della Salute, che da lunedì aiuterà i dirigenti scolastici, o i loro delegati, per poter controllare, in tempo reale, in modo agile, ogni giorno, lo stato della certificazione verde. Naturalmente le mascherine, il distanziamento e la sanificazione continueranno ad accompagnare le attività didattiche. Gli istituti hanno provveduto ad organizzare ingressi scaglionati oppure ad utilizzare tutti gli accessi disponibili al plesso per permettere agli studenti di accedere in sicurezza senza creare assembramenti. 

 


Unica ombra su questo nuovo anno scolastico sembrerebbe il numero degli alunni per classe, in barba al problema delle ‘classi pollaio’. In alcuni istituti non ci sono meno di 22 o 23 alunni per arrivare tranquillamente anche anche a 26 e 27. E se è vero che non si viola nessuna norma (in particolare il Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 81), forse in questo momento storico sarebbe stato opportuno prendere provvedimenti a garanzia che, anche per il futuro, non si costituiscano classi tanto numerose.