Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Monterotondo, terminati i lavori di riqualificazione del teatro Ramarini

Esplora:

Matteo Torrioli
  • a
  • a
  • a

Si sono conclusi i lavori di restyling del Teatro comunale Francesco Ramarini, coordinati dall'Assessorato alla cultura e dalla Fondazione Icm. La storia struttura cittadina, riconsegnata alla popolazione ormai da qualche anno dopo una chiusura decennale, potrà tornare ad ospitare i tanti appassionati di teatro e non solo che, nelle passate stagioni, hanno fatto registrare sempre il tutto esaurito.

 

Molti gli interventi di ripristino e di miglioramento degli spazi e degli ambienti, utilizzati quasi ininterrottamente durante l'anno (salvo durante il periodo di lockdown 2020) dalle associazioni del territorio, soprattutto per scuole e corsi di teatro per giovani, giovanissimi e adulti, ma anche per moltissimi eventi e spettacoli aperti al pubblico che, come la Stagione teatrale, si svolgono ormai da quasi 8 anni all'interno di questa bellissima struttura culturale.

 

 

“Le opere di intervento – spiega Marianna Valenti, assessore alla Cultura - avviate già da mesi, con il ripristino del palco e delle sedute nella sala principale, sono state portate a termine nei giorni scorsi con una ripittura finale di tutti gli ambienti quotidianamente vissuti, a cura delle Associazioni teatrali locali che storicamente utilizzano e affittano la struttura per i propri corsi e che ovviamente non posso non ringraziare. Visto il periodo, ne è seguita una grande opera di sanificazione, al fine di permettere una ripresa delle attività in questo mese, in piena regola e nel rispetto delle normative anti covid-19”.  Le scuole di teatro della zona continueranno ad avere una casa, sia per le prove che per i propri spettacoli. “Credo – conclude la Valenti - che questa proficua collaborazione tra Comune e Associazioni locali nella cura del bene pubblico continui a essere il segnale di un dialogo sempre aperto da parte dell'Amministrazione con le parti sociali e la dimostrazione che l'unione di intenti faccia la forza e, spesso, anche la bellezza”.