Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, fiera del peperoncino: annullato il concerto di Briga, confermato quello di Michele Zarrillo

Alessandro Toniolli
  • a
  • a
  • a

Annullato il concerto di Briga, in confermato quello di Michele Zarrillo. Il presidente della Provincia Mariano Calisse difende la manifestazione “accuse di rischio epidemiologico infondate. L’organizzazione ha rispettato le regole, invito chi critica a venire a controllare”. Rieti Città Futura manifesta i suoi dubbi “in questo momento storico organizzare grandi eventi espone a rischi del genere e, come sembra, il rispetto delle normative all'interno dell'area non ha comunque evitato un pericoloso assembramento”. E’ una nota del Comitato Organizzatore della Fiera Campionaria Mondiale del Peperoncino ad ufficializzare l’annullamento del concerto previsto per la sera del 4 settembre, chiarendo che “la decisione è stata presa d'intesa con le Autorità di pubblica sicurezza. La Fiera Campionaria prosegue nel pieno rispetto della normative anti-Covid e delle prescrizioni assegnate dalle Autorità, come evidenziato pubblicamente anche da esponenti istituzionali intervenuti all'evento in questi giorni”.

 

Col divampare delle polemiche Mariano Calisse decide di non restare a guardare “il comitato organizzatore ha lavorato duramente per dare alla popolazione e al territorio questo evento ed è incredibile che non venga riconosciuta la precisione e l'organizzazione per l’accesso nell’area fieristica, qui vengono rispettate tutte le regole”.

 

Scettici gli esponenti del movimento di opposizione in Consiglio Comunale che comunque auspica “l'assenza di alcuna conseguenza negativa in termini di contagi, ma non appare chiaro come sia stato possibile riunire migliaia di persone invece di quelle che potevano essere accolte nell'area destinata ai concerti, e l'annunciato annullamento di altri spettacoli sembra testimoniarlo”. Dubbi anche sulla location “la scelta del centro storico, probabilmente, non ha aiutato dal punto di vista logistico e organizzativo in relazione al necessario rispetto delle prescrizioni. È importante che la città riparta, dopo questo periodo difficile e dopo l’assenza di eventi durante tutta l’estate, ma resta sempre necessario conciliare tutti gli aspetti”.