Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, due prelievi multiorgano all'ospedale De Lellis

  • a
  • a
  • a

Presso l’ospedale De Lellis sono stati eseguiti due delicati interventi di prelievo multiorgano. Il primo donatore è risultato idoneo al prelievo di fegato, entrambi i reni le cornee e il tessuto muscoloscheletrico. Fegato e reni sono stati prelevati da una equipe trapiantologica del Policlinico Tor Vergata, mentre le cornee e il tessuto muscoloscheletrico sono stati prelevati dall’equipe Oftalmologica del De Lellis diretta da Fabio Fiormonte e dall’equipe ortopedica della Banca dei Tessuti Regionale-IFO di Roma.

Il secondo donatore è risultato idoneo al prelievo di cuore, polmoni, fegato, entrambi i reni, pancreas e cornee. Il delicato intervento ha visto coinvolto equipe provenienti da tutta Italia con la partecipazione dell’equipe di Chirurgia generale del De Lellis, diretta da Luigi Raparelli. Il cuore, il pancreas ed il rene sinistro sono stati trapiantati presso l'ospedale di Milano Niguarda, i polmoni al Policlinico di Siena. Il fegato ed il rene destro, prelevati dal dottor Nicola Guglielmo, sono stati trapiantati presso l'ospedale San Camillo di Roma dall’equipe del dottor Giuseppe Maria Ettorre.

 

Tutti gli organi prelevati sono stati trapiantati con successo presso due sedi ospedaliere trapiantologiche del Lazio e a livello extraregionale, mentre i tessuti sono stati inviati alla Banca degli occhi regionale - San Giovanni Addolorata di Roma e alla Banca dei tessuti regionale-IFO di Roma, dove vengono lavorati e conservati fino al loro impiego a scopo terapeutico i pazienti con patologie croniche degenerative e/o oncologiche dell'occhio. “Un ringraziamento alle famiglie dei donatori, che in un momento così tragico hanno permesso un gesto d'amore così importante che ha salvato tante vite. Un grazie a Rosetta Ferri responsabile del coordinamento locale delle donazioni d’organo, a Alessandra Ferretti, responsabile degli anestesisti e a tutto il personale del blocco operatorio, che ha permesso il prelievo multiorgano” fanno sapere dalla Asl.