Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, green pass all'ospedale. Scatta l'obbligo anche per medici e infermieri

Paola Corradini
  • a
  • a
  • a

La notizia era già nell’aria leggendo tra le righe del comunicato inviato dalla direzione aziendale della Asl lo scorso 11 agosto. Notizia che ieri è stata confermata da una nota affissa nei reparti del De Lellis e delle altre strutture dell’azienda sanitaria, oltre che dalla presenza all’ingresso dell’ospedale di una guardia giurata affiancata da un infermiere che comunicava a tutti i dipendenti e a pazienti e visitatori che per accedere da oggi sarà obbligatorio presentare il green pass.

Se nella tarda mattinata di ieri, al cambio turno, alcuni medici e operatori sanitari che hanno storto la bocca alla notizia, nel pomeriggio, con l’ingresso dei visitatori la situazione è peggiorata visto che si è creata una coda all'ingresso con diverse persone che chiedevano chiarimenti alcune affermando di non aver ricevuto o scaricato il codice verde, altre, purtroppo anche personale infermieristico e medico, che si sono rivolte in malo modo alla guardia affermando di essere contrari alla vaccinazione e che nessuno poteva impedire loro di entrare. Ma la comunicazione della direzione sanitaria è chiara. Il testo, avente per oggetto “Disposizioni riguardanti l’accesso presso strutture sanitarie, sociosanitarie e socio assistenziali della Asl di Rieti, riporta che il 18 agosto scorso, come da protocollo, “sono state definite le regole di accesso presso le sedi aziendali in considerazione delle disposizioni legislative in materia di certificazione vaccinale covid 19 secondo la circolare del Ministero della Salute. In coerenza con la normativa vigente si ricorda che l’accesso del personale dipendente, dei tirocinanti, degli studenti, dei frequentatori volontari, del personale delle ditte esterne, dei visitatori degli accompagnatori e dei Cargiver viene consentito esclusivamente se in possesso della certificazione vaccinale Covid-19, quindi Green Pass con decorrenza a far data da giovedì 26 agosto”.

 

Per l’accesso in ospedale quindi, come la maggior parte di cittadini ed operatori si augurava, arrivano le nuove direttive regionali per la limitazione della diffusione del Covid. Oltre a dover esibire il green pass si dovrà accedere da un unico ingresso, quello principale, sia operatori che visitatori, che dovranno esibire i QRCode per poter passare il controllo, altrimenti si dovrà tornare indietro. La verifica della validità della Certificazione Verde è affidata a l personale di vigilanza presente all'ingresso che, in assenza di certificazione verde non consentirà l’accesso. Per quanto concerne il Pronto Soccorso, l’accesso alle sale di attesa è consentito agli accompagnatori dei pazienti non affetti da Covid-19 muniti della certificazione verde (green pass) in formato digitale o cartaceo.