Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, droga. Coltivava marijuana nel bosco di Granica a Montopoli. Denunciato trentenne

  • a
  • a
  • a

Aveva allestito una sorta di serra in una capanna nascosta nel bosco. Pensava di essere lontano da occhi indiscreti e dunque aveva iniziato a produrre marijuana. Ma l'attività è stata scoperta dai carabinieri di Poggio Mirteto e un trentenne che abita nella Sabina romana è finito nei guai al termine dell'indagine portata avanti dai militari seguendo alcune attività informative. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Poggio Mirteto hanno dunque  denunciato in stato di libertà, per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un trentenne originario dell’hinterland romano.

 

Nell’ambito delle ordinarie attività connesse al “controllo del territorio” i militari avevano infatti già individuato da giorni una capanna in area boschiva in località Granica di Montopoli di Sabina, utilizzata esclusivamente dall’uomo. Un'attività piuttosto sospetta visto che nella zona non ci sono altre attività e nella capanna, apparentemente, non era custodito nulla. Dopo giorni di appostamenti i militari hanno deciso di eseguire una perquisizione che ha consentito di confermare i loro sospetti. All’interno sono stati infatti rinvenute e sequestrate sette piantine di marijuana, due grammi della medesima sostanza stupefacente già essiccata ed un grammo di hashish.

 

L’uomo, proprietario della capanna e del terreno, già noto alle forze di polizia, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Rieti per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.Le piantine e le altre sostanze sequestrate verranno ora inviate al Reparto Indagini Scientifiche (Ris) di Roma per le analisi di laboratorio di competenza per verificare con precisione il principio attivo delle sostanze. Infatti per portare avanti l'ipotesi di coltivazione di sostanza stupefacente c'è bisogno dei riscontri chimici sulle piante che sono state trovate nel bosco e sequestrate dai carabinieri che hanno portato avanti per giorni i pedinamenti e gli appostamenti nell'area boschiva che ricade nel territorio di Montopoli di Sabina,