Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti: torna la sagra dell'Amatriciana, incontro in questura per la sede della fiera del peperoncino

Alessandro Toniolli
  • a
  • a
  • a

Tornano i due eventi più importanti dell’estate reatina: la Fiera Mondiale del Peperoncino - Rieti Cuore Piccante e la Sagra degli Spaghetti all’Amatriciana, tra certezze e dubbi dettati soprattutto dalla necessità di attenersi alle normative anti - covid. Il 2020, l’anno del coronavirus, aveva portato all’annullamento, tra gli altri, di questi due eventi, in grado di coinvolgere migliaia di persone e mettere il nostro territorio al centro dell’interesse nazionale. Ora tra le certezze si possono annoverare le date, dall’1 al 5 settembre per  Rieti Cuore Piccante e dal 28 al 29 agosto per la Sagra degli Spaghetti all’Amatriciana.

 

Per il resto le interlocuzioni con le autorità a cui è affidato l’incarico di regolare questo tipo di attività, Prefettura in primis, sono continue, con lo scopo di garantire da un lato che queste manifestazioni possano svolgersi coinvolgendo il maggior numero di persone possibile e dall’altro di fare tutto questo garantendo soprattutto ala sicurezza sanitaria ed adottando tutti gli accorgimenti necessari per evitare la trasmissione del coronavirus. Tra le principali incertezze, almeno per quanto riguarda La Fiera Mondiale del Peperoncino, c’è la location, per la Sagra dell’Amatriciana è invece confermata l’area centri commerciali di Amatrice. Livio Rositani, presidente del comitato organizzatore della manifestazione reatina fornisce gli ultimi aggiornamenti “aspettiamo la riunione di domani mattina (venerdì 20 agosto) in Questura dove è stato convocato un tavolo tecnico, dopo quello in Prefettura, per verificare la possibilità di svolgere la nostra manifestazione nel centro storico della città.

 

Noi abbiamo già presentato il nuovo progetto che ci è stato richiesto il 17 e che abbiamo provveduto a consegnare il 18, ora aspettiamo di sapere quali saranno le determinazioni della Questura. Io sto spingendo per riportare la Fiera Mondiale del Peperoncino in piazza, lo sforzo è enorme, però l’apporto economico di questa manifestazione per quell’area è di una portata  non paragonabile a quello che avrebbe potuto portare se svolta nell’area dell’ex zuccherificio”. Per la Sagra degli Spaghetti all’Amatriciana la location non è mai stata in dubbio, andavano però regolate le modalità di accesso e di gestione in ogni dettaglio. Dalle riunioni in Prefettura è emersa la necessità di recintare l’area facendo in modo che sia possibile verificare la quantità di persone presenti e che chi accede sia munito di green pass. Anche all’interno dell’area dedicata verrà monitorato il distanziamento e che vengano prese tutte le misure necessarie ad evitare i rischi di contagio.