Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, fiera del peperoncino. La proposta di Miccadei (Italia Viva): “Uno stand di Greccio 2023”

  • a
  • a
  • a

Uno stand di Greccio 2023 alla Fiera del Peperoncino per promuovere l'ottocentenario della nascita del primo presepe vivente al mondo. Questa la proposta del consigliere comunale di Italia Viva Simone Miccadei. “Con una mail ho chiesto al sindaco di Greccio di chiedere all’organizzazione della fiera del peperoncino di poter mettere uno stand, in collaborazione con la Pro loco di Greccio, per promuovere gli 800 anni del primo presepio vivente al mondo . Spero vivamente che il Sindaco Emiliano Fabi accolga la mia proposta. Credo sia fondamentale iniziare a promuovere da subito l'evento più importante della nostra Provincia, la Fiera Mondiale del Peperoncino è una vetrina importante che porta visitatori da tutto il mondo, perdere un'occasione così sarebbe veramente un peccato”. La proposta è stata subito accolta favorevolmente dal vice sindaco di Rieti Daniele Sinibaldi che nelle prossime ore sentirà il sindaco di Greccio.

 

Intanto il comitato organizzatore della Fiera Campionaria Mondiale del Peperoncino annuncia nuove adesioni di esponenti istituzionali. Saranno ospiti dell’area convegnistica il vice presidente della Regione Lazio Daniele Leodori, il presidente della Commissione Bilancio della Camera dei Deputati Fabio Melilli, l’assessore della Regione Lazio al la Claudio di Berardino e il presidente della commissione Bilancio della Regione Lazio, Fabio Refrigeri.

 

Grazie alla collaborazione ormai consolidata tra il Comitato Gemellaggi e Relazioni Internazionali del Comune di Rieti e l’Accademia del Peperoncino-Delegazione di Rieti 2.0, l’edizione del decennale della Fiera Campionaria Mondiale del Peperoncino di Rieti, inoltre, ospiterà, quest’anno, un’area dedicata al progetto denominato “Made in Rieti”, avviato nei mesi scorsi con la partnership dell’emittente televisiva locale Rtr con l’obiettivo di promuovere, presso le Città gemellate e amiche di Rieti (la tedesca Nordhorn, la francese Saint Pierre Les Elbeuf, la giapponese Ito, la spagnola Caleruega e le italiane Sant’Oreste e Vignola) le eccellenze enogastronomiche del territorio, attraverso showcooking online curati da importanti chef locali.