Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, approvato il bilancio. L'assessore Valentini: “I conti migliorano”. Ma l'opposizione attacca

Alessandro Toniolli
  • a
  • a
  • a

La maggioranza in Consiglio Comunale approva il bilancio, l’assessore Claudio Valentini esprime “enorme soddisfazione, nonostante le difficoltà legate alla pandemia abbiamo raggiunto un gran bel risultato” che vuole condividere con “tutti i dipendenti del settore, naturalmente al dirigente dottor Colaiacomo e soprattutto a tutta la maggioranza, ancora una volta presente e coesa più che mai”. Dal fronte dell’opposizione il capogruppo PD Alessandro Mezzetti parla invece di “un bilancio di normale amministrazione, oserei dire la fotocopia dell'anno precedente che fa cassa con le luci votive, con le mense scolastiche e con gli asili”. Visioni diametralmente opposte, confermate dal voto nella oramai tristemente consueta aula virtuale dell’ennesimo consiglio comunale tenuto in video conferenza.

L’assessore Valentini sente di avere svolto un buon lavoro “è evidente un netto miglioramento dei conti dell’Ente, a testimonianza che la strada intrapresa è quella giusta. Quello che esce dal consuntivo 2020 è un bilancio che certifica la prosecuzione di un percorso di risanamento”. Un percorso che è stato caratterizzato dai due direttive principali: razionalizzazione della spesa e recupero di risorse. “I conti andranno ulteriormente a migliorare allorquando diverranno definitive le sentenze nei confronti di altri enti debitori del comune”. Il riferimento principale è ad ASL e Ater, che a seguito di distinti procedimenti dovrebbero portare nelle casse del comune circa 10 milioni di euro, che saranno quindi visibili nei prossimi bilanci.

Quanto alla spesa l’assessore “si tratta di ottimizzazione, a parità di servizi spendiamo di meno”. Qualcosa però l’assessore avrebbe voluto fare e ancora non è riuscito, ed il riferimento è alla massa di crediti che l’Ente “dal 2009 ha dato mandato ad Equitalia di recuperare, per molti milioni di euro che non sono mai stati riscossi. Impianteremo una causa, ci dovranno dare conto del loro lavoro”. Opposta la visione di Alessandro Mezzetti capogruppo PD “zero programmazione futura, pochi investimenti che puntino allo sviluppo, nessuna visione strategica del territorio. A tutto ciò si aggiunga la totale ignoranza degli emendamenti promossi dal gruppo del Partito Democratico, tutti con pareri negativi del dirigenti economici e contabili. Il centrodestra è troppo interessato alle prossime elezioni e all'individuazione del candidato e poco interessato a lavorare sulla città. Questo è il quadro che emerge dal bilancio del comune di Rieti. Non c'è un'idea sulle visioni strategiche della città. Da qui a maggio prossimo apprestiamoci a vivere una stagione intensa di asfalti stradali elettorali”.