Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, minacciano uomo con un coltello. Paura a Casperia, denunciati in tre. Indagini sulla "spedizione punitiva"

  • a
  • a
  • a

Sono partiti da un comune vicino con l'intenzione di dare una lezione a quell'uomo di Casperia che aveva avuto la colpa di avergli fatto uno "sgarbo". I tre, fratelli, avevano anche un coltello e non avevano assolutamente buone intenzioni. La vittima delle pesanti minacce si è salvata da una più grave aggressione solo grazie all'arrivo degli uomini in divisa.

I carabinieri della stazione di Casperia, due sere fa, mercoledì 21 luglio, sono intervenuti nel pieno centro storico a seguito di una violenta aggressione nei confronti di un uomo del posto da parte di tre fratelli residenti in un altro vicino paese.  Durante l’aggressione, che sembra essere nata per futili motivi con insulti e minacce, sarebbe spuntato anche un coltello a serramanico ma il tempestivo intervento dei carabinieri, allertati da alcuni presenti, ha evitato il peggio e scongiurato gravi conseguenze. I tre fratelli, provenienti da un vicino paese, avendo percepito l’arrivo dei militari, desistevano dai loro intenti e dopo aver rinnovato insulti e gravi minacce all’uomo, si dileguavano velocemente facendo perdere le loro tracce.

 

I Carabinieri di Casperia comunque, giunti sul posto, hanno ricostruito l’accaduto riuscendo, nel giro di poco, ad identificare gli aggressori. I tre - si legge nella nota dei carabinieri - saranno denunciati a piede libero  per violenza privata e minaccia aggravata ed uno di loro anche per inosservanza della misura di prevenzione personale del Foglio di Via Obbligatorio dal Comune di Casperia. I Carabinieri stanno comunque svolgendo ulteriori accertamenti per verificare l’esatta dinamica dei fatti e chiarire alcuni importanti dettagli. Si sta cercando in particolare di capire il movente della "spedizione punitiva" e se nella lite sventata dai militari sono coinvolte altre persone. Per questo i militari stanno continuando a raccogliere testimonianze su quanto è avvenuto cercando di ricostruire anche i rapporti tra la vittima e gli aggressori.