Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, venti milioni per riqualificare edifici, strade e piazze

Esplora:

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Sono 271 le proposte ammesse al finanziamento del Programma nazionale della qualità dell’abitare (PinQua) del Ministero per le Infrastrutture e la Mobilità Sostenibili (Mims) con l’obiettivo di riqualificare i centri urbani, ridurre il disagio abitativo e favorire l’inclusione sociale. Tra questi anche tre progetti presentati da Comune di Rieti e Ater per un importo complessivo di 19 milioni 228 mila euro. L’Alta Commissione istituita presso il Mims per esaminare le oltre 290 proposte pervenute da Regioni, Comuni e Città Metropolitane ha concluso in tre mesi la fase della selezione stilando una graduatoria di progetti ammissibili al finanziamento, complessivamente pari a 3,2 miliardi di euro. Gli indicatori utilizzati per definire la graduatoria dei progetti hanno tenuto conto sia della superficie residenziale che viene recuperata dal progetto, sia della maggiore inclusività sociale che esso genera, anche tramite il coinvolgimento nella successiva gestione dell’intervento da parte del terzo settore.

 

Il primo dei tre progetti presentati da Comune e Ater ammessi a finanziamenti (14.687.970,4 milioni) mira al completamento degli interventi di recupero degli alloggi pubblici siti in via Sant’Agnese e dell’edificio un tempo occupato dall’ex “Ospizio Cerroni” di via Garibaldi, nonché alla riqualificazione di via Terenzio Varrone, piazza Mazzini, Piazza Oberdan, via Garibaldi, Largo Cairoli e del tratto di via Cintia compreso tra la porta e le volte del Vescovado. L’intervento prevede anche l’installazione di un ascensore di collegamento tra piazza Oberdan e la zona di Largo Cairoli e la realizzazione di un nuovo Ponte ciclo – pedonale tra il quartiere medioevale dei “Pozzi” e la sponda opposta del fiume Velino al fine di esaltare la bellezza di uno dei luoghi più suggestivi del territorio urbano. L’altra proposta elaborata dall’assessorato e finanziata (1.725.000 milioni) prevede la riqualificazione del quartiere di Quattro strade attraverso la realizzazione di aree adibite a parco nelle zone verdi del rione, in uno con l’innesto di nuove piante ad alto fusto, con il collocamento di talune stazioni di ricarica per le bici elettriche, con l’allestimento di un Ponte a sostegno di un giardino pensile e di una pista ciclo – pedonale a cui si affida il compito di collegare i complessi di edilizia popolare della zona elevandone la qualità architettonica ed ambientale. La terza ed ultima proposta finanziata (2.815.000 milioni) è il frutto della collaborazione tra Comune di Rieti ed Ater e riguarda il progetto di restauro e risanamento conservativo dell’edificio storico di via della Verdura noto come “Palazzo Javarroni” che i due Enti vorrebbero sottrarre al degrado restaurandone la funzione sociale e residenziale.

 

“Accogliamo con favore la notizia dell’ammissione del finanziamento più grande che il capoluogo abbia mai ottenuto, al quale attingeremo per restituire dignità e nuova vita ai complessi monumentali ed ai luoghi urbani più cari alla comunità reatina - ha sottolineato l’assessore all’Urbanistica Antonio Emili -. Dopo l’adozione delle delibere di attuazione della legge regionale sulla rigenerazione urbana, si segna un altro grande passo nella direzione tesa a promuovere la valorizzazione, la riqualificazione e la messa in sicurezza del nostro territorio urbano, al fine di sconfiggere la crisi con gli investimenti e di elevare al meglio le condizioni di vita dei cittadini”.