Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, assunzioni in Provincia. Calisse: "Presto 11 nuovi posti, arriveremo a 140 lavoratori"

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

Dopo quella del Comune, si rimpolpa, piano piano, anche la pianta organica di Palazzo d’Oltre Velino, falcidiata dalla legge Delrio del 2014 che ridefinì il sistema delle Province snellendo gli organici e prosciugando i bilanci, ma lasciando in capo all’ente le stesse deleghe. Da 300 dipendenti la Provincia passò a 118, un terzo delle risorse umane o giù di lì chiamate a svolgere i compiti rimasti sempre di competenza dell’ente, scuole e strade in primis, due voci gravosissime che subirono e non poco il contraccolpo dei tagli di bilancio.

“Quando divenni presidente – ricorda Mariano Calisse – in Provincia c’erano 118 dipendenti, poi, sfruttando le capacità assunzionali a disposizione, abbiamo man mano ampliato la pianta organica fino ad arrivare, oggi, a 130 lavoratori che arriveranno sui 140 con le prossime assunzioni di 8 persone, di cui 5 amministrativi e 3 tecnici”. Con l’aumento delle risorse umane a disposizione, Palazzo d’Oltre Velino ha potuto triplicare gli impegni di spesa rispetto a tre anni fa. “In questi tre anni – aggiunge Calisse – abbiamo impegnato una spesa tre volte maggiore sia per quel che riguarda il capitolo scuole che per le strade”.

 

Una voce, quest’ultima, che ha assorbito 10 milioni e mezzo di euro del ministero dell’Economica e delle Finanze cui si sono aggiunti altri 5 milioni di fondi Anas destinati alle strade delle aree del cratere sismico, che la Provincia di Rieti è stata tra i primi enti ad intercettare. “Per quanto riguarda strade e scuole – dice ancora l’inquilino di Palazzo d’Oltre Velino -, dopo la riforma Delrio abbiamo goduto di finanziamenti straordinari di 5 milioni l’anno per 20 anni e avuto accesso a fondi straordinari una tantum per mettere in sicurezza le frane”. Nel frattempo va avanti, tra le altre cose, il trasferimento degli studenti universitari che a settembre prossimo lasceranno l’istituto Rosatelli per approdare a palazzo Aluffi: giovedì si è tenuto l’ultimo sopralluogo dei tecnici ed è cominciato lo spostamento dei banchi.