Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti entra nel consorzio industriale unico

  • a
  • a
  • a

Consorzio unico regionale, dall’assemblea reatina arriva un sì unanime. In data odierna presso la sede del Consorzio per lo sviluppo industriale della Provincia di Rieti, si è riunita l’assemblea straordinaria dei soci, che è stata chiamata ad esprimerete il proprio voto sulla razionalizzazione dei Consorzi per lo sviluppo industriale del Lazio, costituzione del consorzio unico, approvazione progetto di fusione, statuto del costituendo Consorzio unico e piano economico, alla presenza del notaio Marco Pinto.

“E’ un passaggio significativo per il territorio reatino – dichiara il commissario Angelo Ientile - nonché una grande opportunità per le aree industriali. E’ stato un percorso lungo e condiviso durante il quale sono state recepite le istanze dei soci volte ad affermare il ruolo centrale dei territori. Ringrazio la Regione Lazio, e in particolare Albino Ruberti e l’assessore Paolo Orneli per le capacità di ascolto e sintesi dimostrate, e ovviamente i dipendenti del Consorzio e l’intero collegio sindacale. Un ringraziamento anche a tutti i soci che ci hanno accompagnato in questo percorso complesso. Ora si apre una fase di lavoro attivo durante la quale nel Reatino ricadranno importanti investimenti volti a favorire lo sviluppo delle aree industriali locali e la nascita di nuove imprese. Un nuovo capitolo che rappresenta una scommessa che la comunità Reatina sarà sicuramente in grado di vincere. Ora, in attesa degli atti finali di fusione, si continua a lavorare per completare quanto iniziato due anni fa - conclude il commissario Ientile - e rispondere alle tante esigenze del tessuto imprenditoriale e per il rilancio del territorio dopo una crisi così profonda”.

Soddisfatti anche il presidente della Provincia Mariano Calisse e i sindaci di Rieti e Fara in Sabina Antonio Cicchetti e Roberta Cuneo. “Un’opportunità da non perdere. E’ stata una trattativa lunga e difficile quella che porterà all'ingresso di Rieti nell’organo. Oggi (ieri ndr) in assemblea la decisione di entrare nel Consorzio unico laziale, un organo che di fatto sarà l’assessorato regionale per lo sviluppo industriale e che avrà un’importanza strategica a livello nazionale anche per la gestione dei fondi. Una sfida complicata – dicono i tre – ma alla quale Rieti non poteva sottrarsi per non restare isolata. Per ciò che riguarda l'aspetto d'ingresso, grazie alla trattativa portata avanti soprattutto da Provincia, Comune capoluogo e Fara in Sabina, rispetto alla prima bozza stesa dalla Regione Lazio, che ringraziamo per la disponibilità alla condivisione, abbiamo avuto migliorie importanti, per esempio prima il peso di Rieti era il 3%, poi portato a 5% e ora abbiamo raggiunto il 9%. Per ciò che riguarda l’assemblea locale, che resterà comunque in piedi, questa potrà avere un voto a carattere vincolante piuttosto che consultivo. Non stiamo trattando l’argomento come un semplice accorpamento ma come una proiezione del Consorzio di Rieti verso una sfida importante che ci vedrà a pieno titolo, anche grazie ai nostri poli logistici, nell’organismo che gestirà 20milioni di euro per le infrastrutture e soprattutto 130 milioni di euro stanziati per la finanziaria. Vogliamo ringraziare anche l’onorevole Durigon che dal Mef sta già lavorando per dotare il nuovo consorzio di risorse per le imprese”.