Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, ricostruzione di Accumoli. Stanziati 31 milioni e nuove procedure

  • a
  • a
  • a

Un segnale di forza e speranza per Accumoli è arrivato ieri dal Governo. L’ordinanza firmata dal commissario per la Ricostruzione Giovanni Legnini prevede nuove procedure e sblocca 31 milioni di euro destinati alla ricostruzione del centro storico del paesino e delle sue frazioni completamente distrutte dal sisma del 2016.

A dare l’annuncio l’assessore regionale alla Ricostruzione Claudio di Berardino. “L’ordinanza firmata dal Commissario alla ricostruzione Giovanni Legnini, a seguito dell’approvazione avvenuta in cabina di coordinamento sul sisma, crea nuove premesse per la ricostruzione di Accumoli, comune tra i più colpiti dal sisma del 2016. Le nuove regole, in particolare, permetteranno l’apertura di numerosi nuovi cantieri pubblici e privati nel centro storico e in alcune sue frazioni sulla base della proposta del programma straordinario della ricostruzione approvato dal comune. Le soluzioni e i sistemi tecnologici che verranno utilizzati garantiranno maggiore sicurezza e una elevata qualità della vita con procedure più snelle e definite".

"In particolare è definita la procedura sia per la rimozione delle macerie che per la demolizione e la ricostruzione degli edifici storici tutelati di Palazzo Marini, Palazzo Organtini e Palazzo Cappello. Oltre 31 milioni stanziati. Tra gli interventi più significativi sono da segnalare i sottoservizi del centro storico per i quali sono a disposizione 2,8 milioni di euro; la ricostruzione della sede comunale che prevede interventi per 7,8 milioni; la chiesa di Santa Maria della Misericordia (580 mila euro) e altri interventi di messa in sicurezza di alcune frazioni per un totale di 9,4 milioni di euro. Ancora una volta le decisioni concordate con il commissario Giovanni Legnini creano presupposti concreti per velocizzare l'opera di ricostruzione - conclude Di Berardino -. Da parte nostra, come Regione, saremo in prima linea, con l'Ufficio Speciale per la Ricostruzione, per assicurare la qualità dei progetti e delle opere".