Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, vaccini. Immunizzata metà della provincia

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Prosegue la Campagna vaccinale della Asl. Ad oggi il numero di somministrazioni, in provincia di Rieti, hanno raggiunto il tetto delle 142.835 dosi. Grazie a questi numeri la Asl di Rieti si attesta al 70% di copertura in prima dose, mentre il numero di cittadini immunizzati (prima e seconda dose) supera il 50%. Buoni anche i dati relativi agli immunizzati divisi per fascia di età: tra gli over 80 anni raggiunto l’82%, tra gli over 60 anni il 70% e tra gli over 70 anni l’81%.

Con la tappa di ieri a Poggio Mirteto, si è concluso sul territorio della provincia di Rieti il Tour vaccinale anti-covid19 con la somministrazione del vaccino J&J a tutti i cittadini over 18 anni. A settembre a Rieti, si svolgerà la chiusura dell’evento itinerante, in prossimità della riapertura delle scuole. Complessivamente, gli eventi itineranti organizzati dalla Asl di Rieti nei comuni del reatino, grazie ad una Unità sanitaria mobile, hanno garantito ad un totale di 1.800 cittadini, di eseguire il vaccino monodose comodamente presso il "proprio domicilio".

“Grazie all'importante risposta della popolazione – spiega Gabriele Coppa dell'Uoc Sviluppo Strategico ed Organizzativo della Asl di Rieti - fra dosi già effettuate e appuntamenti in agenda, a metà agosto arriveremo a coprire circa il 74% della popolazione”. Un risultato importante, ma non basta. “A Rieti, durante la pandemia – aggiunge Coppa - abbiamo raggiunto l’apice con circa 1400 positivi, ora siamo a 23 e tutti i nuovi positivi non avevano avuto né la prima, né la seconda dose. L’appello che vogliamo lanciare è rivolto agli under 60 perché la Asl ha coperto quasi il 90% degli over 60 mentre per chi ha meno di sessant'anni ci sono circa 32.000 persone che ancora non hanno aderito alla campagna vaccinale. Se almeno un 20% di queste si vaccinerà, l’appello è rivolto a loro, riusciremo a coprire l’80% di popolazione residente e con questa percentuale sarà finalmente possibile riabbracciare i nostri cari”.