Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, eroina e hashish. Coppia di fidanzati arrestata per spaccio

  • a
  • a
  • a

Spaccio di eroina e hashish, arrestata coppia di fidanzati. L’indagine scaturisce dall’arresto nella flagranza operato dalla Squadra Mobile di Rieti, l’11 maggio scorso quando i due fidanzati conviventi, entrambi trentenni, a seguito di perquisizione domiciliare presso l’abitazione in zona Borgo, venivano trovati in possesso di oltre quattro grammi di eroina nonché materiale per il confezionamento di dosi.

Anche dopo l’arresto la coppia ha comunque smesso l’attività. In più occasioni nei giorni successivi, erano stati effettuati presso la loro abitazione interventi da parte delle Volanti per il “viavai” di tossicodipendenti. Proprio per il perdurare di tali comportamenti la coppia era stata sottoposta anche alla misura di prevenzione dell’avviso orale irrogatale dal Questore di Rieti. Gli investigatori della Squadra Mobile, sulla scorta del primo arresto e del perdurare dei comportamenti illeciti, hanno quindi effettuato ulteriori accertamenti, anche attraverso l’acquisizione ed elaborazione di dati telefonici, verificando che i due soggetti erano dediti già da tempo allo spaccio di dosi di eroina e hashish ricevendo gli acquirenti presso la propria abitazione oppure nei pressi di un noto centro commerciale.

 

E’ stata pertanto emessa un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’uomo mentre per la donna è stato disposto l’obbligo di dimora, nonché di pernottamento presso la propria abitazione e della presentazione alla Polizia giudiziaria giornaliera. Durante l’esecuzione delle due misure, effettuata nella giornata di ieri, la donna pochi istanti prima di far entrare gli operatori della Squadra Mobile nel suo appartamento ha tentato di disfarsi, gettandolo in strada, di un involucro contenente 16 dosi di eroina, per un peso totale di oltre 5 grammi, già pronte per essere cedute. Anche per lei quindi è scattato l’arresto ed è ristretta presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida. Il fidanzato, invece, dopo gli accertamenti di rito, è stato associato presso una casa circondariale.