Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, Vallonina chiusa. Il vice sindaco Sinibaldi: “Duro colpo per il Terminillo”

Alessandro Toniolli
  • a
  • a
  • a

Il vice sindaco e assessore al Turismo del Comune di Rieti Daniele Sinibaldi richiama la Regione Lazio a riaprire quanto prima la strada della Vallonina, che collega Terminillo con Leonessa “per il territorio è un grave danno economico e d’immagine”. Se lo scavalco per unire gli impianti sciistici di Terminillo con quelli di Leonessa al fine di dare unitarietà al comprensorio sciistico del Terminillo, previsto nel progetto Terminillo Stazione Montana, è da sempre motivo di polemica e discussione ora si apre il dibattito anche sulla strada che unisce i due comuni. L’arteria normalmente d’inverno è chiusa, vista la grande massa di neve che normalmente la ricopre, ma con l’arrivo della bella stagione normalmente viene riaperta al traffico fornendo la possibilità soprattutto a ciclisti e motociclisti di goderne lo straordinario paesaggio, ma permettendo anche ai numerosi turisti presenti nelle due più importanti località montane della provincia di godere dei rispettivi centri abitati.

Quest’anno questa apertura non è ancora stata effettuata ed il vice sindaco del Comune di Rieti Daniele Sinibaldi sembra temere che questo non avvenga affatto. Il problema sembra derivare dal rischio di caduta massi, situazione di cui le istituzioni locali sono consapevoli, tanto che la Provincia di Rieti ha un progetto esecutivo di messa in sicurezza. Negli anni le autorità locali che ne avevano la competenza si sono sempre assunte la responsabilità comunque di aprire la strada nel periodo estivo, il timore oggi è che l’Astral non voglia fare lo stesso.

Per questo Sinibaldi si appella alle autorità regionali "avendo appreso che la strada della Vallonina potrebbe rimanere chiusa per tutta l'estate, rivolgo un forte richiamo alla Regione Lazio, che esercita la competenza sulla panoramica proprietaria attraverso Astral, a scongiurare questa ipotesi che rappresenterebbe un danno incredibile al turismo dell'intero comprensorio del Terminillo, protagonista proprio negli ultimi anni di sforzi enormi per tornare ad essere attrattivo e fonte di economia per l'intero territorio. È impensabile che la strada che collega Leonessa all'abitato del Terminillo resti chiusa nel periodo di maggiore afflusso di visitatori e chiediamo quindi alla Regione Lazio di fare tutto il necessario, con urgenza, affinché venga aperta, senza infliggere al territorio l'ennesimo grave danno economico e d’immagine”.