Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, reddito cittadinanza: in 100 saranno messi al lavoro

  • a
  • a
  • a

Al lavoro per quattro progetti di utilità collettiva per i quali verranno chiamati a collaborare cento percettori di reddito di cittadinanza. Una iniziativa dell’assessorato ai Servizi sociali del Comune che ha la duplice valenza di regalare alla città iniziative importanti e dall’altra di includere in un circuito virtuoso un buon numero di persone oggi escluse dal mondo del lavoro.
Ad oggi sulla Piattaforma Gepi sono stati assegnati al case manager circa 1112 nuclei familiari residenti presso il Comune di Rieti percettori di reddito di cittadinanza. Di questi, 545 famiglie hanno lo stato del contributo attivo, mentre 567 nuclei hanno il contributo terminato ovvero decaduto.

Il case manager assegnato alla complessità dei casi ha elaborato diverse pratiche inviando taluni nuclei inviati al Centro per l’impiego di Rieti; altri ancora in fase di valutazione preliminare. I quattro progetti su cui si sta lavorando riguardano il sociale, il bene comune, la scuola e il verde cittadino. Sono tutti progetti in fase di lavorazione e verranno terminati nel giro di qualche settimana. Dopo tutto il lavoro passerà al vaglio della giunta per la definitiva approvazione. L’ultimo passaggio riguarderà l’individuazioni delle 100 persone che verranno scelte anche in base alle loro attitudini e caratteristiche. Il quattro progetti sono tutti in dirittura d’arrivo ed è probabile che già da settembre possano tutti diventare operativi e quindi utili per la città di Rieti. Soddisfatto l’assessore ai Servizi sociali Giovanna Paloma.

“Non mi posso sbilanciare sulla tempistica ma credo che il tutto possa essere definito nel breve tempo, quello che invece mi preme sottolineare è l’importanza sociale di questi progetti che oltre ad essere utili per la città di Rieti assolvono anche l’obiettivo, forse primario, di dare risposte inclusive a chi è oggi ai margini del mondo del lavoro. E siamo contenti per questo”.