Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, cani maltrattati: 15 segugi chiusi in gabbia senza acqua e cibo

  • a
  • a
  • a

Operazione dei carabinieri forestali che hanno liberato 15 segugi chiusi in un piccolo carrello senza acqua e cibo.Prosegue l’attività di contrasto dell’arma in materia di reati in danno agli animali. Durante un controllo amministrativo attivato su segnalazione di un cittadino alla centrale operativa dei carabinieri, militari della stazione carabinieri forestale di Contigliano hanno provveduto all’immediato sequestro di 15 cani trasportati all’interno di un carrello trainato da un’autovettura. I cani, di razza segugio, erano infatti mantenuti in condizioni non idonee e incompatibili con la loro natura, stipati all’interno di uno spazio estremamente esiguo, sottoposti a temperature molto elevate per la continuativa esposizione al sole, senza disponibilità di cibo e acqua.

Roma, cani maltrattati. Scoperto allevamento lager di husky a Ponzano Romano. Salvati 110 animali | Foto – Corriere di Viterbo

Logo
Cerca

Roma, cani maltrattati. Scoperto allevamento lager di husky a Ponzano Romano. Salvati 110 animali | Foto

  • a
  • a
  • a

I carabinieri della stazione di Ponzano Romano, unitamente ai carabinieri forestali di Sant’Oreste, al termine di una attività di controllo del rispetto delle normative sulla tutela ambientale e degli animali, hanno scoperto in un villino privato di Ponzano Romano un allevamento abusivo con 110 esemplari di cani razza “Husky” in condizioni di maltrattamento ed abbandono. I carabinieri avevano individuato la privata abitazione, un villino “fortificato” in campagna, come possibile allevamento abusivo, anche per i lamenti degli animali che si udivano nelle vicinanze, ma a rafforzare il dubbio è stato un esposto di un’ associazione per la protezione ambientale ed animale di Roma,

Così l’azione sinergica dei Carabinieri dell’Arma Territoriale e del Reparto Specializzato nella tutela ambientale e animale ha permesso di accertare la fondatezza dell’esposto: all’esterno della villa sono stati rinvenuti 16 recinti con all’interno 82 Husky. Gli spazi erano comunque di dimensioni ridottissime per contenere un numero così elevato di animali, con l’ulteriore aggravante che erano privi di acqua corrente per abbeverare gli animali, soprattutto con le elevatissime temperature di questi giorni, ed è stato accertato che agli stessi animali non veniva fornito cibo da tempo

 

Quando poi i carabinieri, unitamente al personale della locale Asl, hanno bussato alla porta per controllare se ci fossero animali anche all’interno, gli occupanti non hanno consentito l’accesso. A quel punto, i militari della Stazione di Ponzano, consci della gravità della situazione già in parte riscontrata, non si sono persi d’animo ed hanno chiesto ed ottenuto in tempo reale dal Pp di turno della Procura presso il Tribunale di Rieti un decreto di perquisizione, notificato il quale, nessuno ha più potuto opporsi al controllo dei Carabinieri anche all’interno dell’abitazione. 

 

Copyright © Gruppo Corriere S.r.l. | P.IVA 11948101008 - ISSN (sito web): 2531-923X
Torna su

Cruciale si è rivelata la collaborazione assicurata ai militari dal servizio veterinario della Asl di Rieti, il cui personale è intervenuto sul posto, per attestare l’inidoneità delle modalità di trasporto e le gravi sofferenze cui gli animali erano sottoposti. In attesa di trovare a breve una consona sistemazione alternativa, tutti gli esemplari sono stati affidati in temporanea giudiziale custodia al sindaco, per la loro detenzione presso idonea struttura.

 

Ha fatto seguito al sequestro degli animali, il deferimento all’autorità giudiziaria del trasportatore e proprietario – con precedenti di polizia – per le ipotesi di reato previste dal codice penale in materia di maltrattamento animale. Le condotte, qualora confermate nel corso delle indagini, dirette dalla procura della repubblica presso il tribunale di Rieti, potrebbero portare alla pena della reclusione sino a diciotto mesi o al pagamento di una multa sino a 30.000 euro. L'operazione arriva nello stesso giorno in cui nella vicina Ponzano Romano sempre i carabinieri hanno liberato 110 cani di razza Husky che venivano tenuti in una villetta fortificata in condizioni terribili. In quel caso l'operazione dei carabinieri è arrivata al culmine di un'attività di indagine partita dopo un esposto presentato da un'associazione animalista,