Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, furto in un deposito edile. Coppia di ladri che dorme in auto tradita dai tatuaggi. Denunciati dalla polizia

  • a
  • a
  • a

Coppia di ladri tradita dalla passione per i tatuaggi. Gli agenti della squadra mobile della Questura di Rieti hanno denunciato in stato di libertà I.D., del 1980 e la sua compagna. L.D., del 1980, già conosciuti dalle forze dell'ordine, che sono ritenuti responsabili di un furto aggravato perpetrato in danno di un negozio di materiali edili reatino. Durante la nottata del 20 giugno, alcuni ignoti, dopo aver danneggiato la porta di ingresso,  erano penetrati all’interno di un negozio di materiali edili sito nel quartiere reatino di Piazza Cavour ed avevano rubato la somma di denaro in contanti di 1400 euro circa ed alcuni utensili di marca per un valore complessivo di quasi tremila euro.

 

Gli investigatori della squadra mobile, esaminando le immagini della videosorveglianza ed ascoltando le testimonianze di alcuni passanti hanno ricostruito la vicenda individuando l’autore del furto per il reatino I.D., di 41 anni, già conosciuto dalle Forze dell’ordine per aver commesso numerosi reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti. Le immagini raccolte, grazie ad i particolari tatuaggi dell’uomo ed all’autovettura utilizzata per la fuga, hanno rilevato con certezza la sua identità e quella della sua compagna coetanea L.D., residente a Spoleto, complice nel furto, ed hanno consentito alla locale Autorità Giudiziaria di emettere nei loro confronti i decreti di perquisizione richiesti dagli investigatori della Polizia di Stato per il recupero delle refurtiva. I due ladri, tuttavia, che non hanno una stabile residenza in questo capoluogo e dormono nella loro autovettura, hanno fatto perdere le loro tracce per alcuni giorni, durante i quali, così come ricostruito dagli investigatori, si sono recati nella Capitale per commercializzare i prodotti rubati e spendere interamente il ricavato dell’attività illecita.

 

Nella giornata di mercoledì 30 giugno dopo che i due erano stati visti aggirarsi nel capoluogo reatino e quindi erano state allertate tutte le pattuglie della Polizia di Stato presenti sul territorio, gli stessi sono stati intercettati da un Agente della Squadra Mobile reatina che, libero dal servizio, ha immediatamente allertato le pattuglie della Questura di Rieti che hanno bloccato i due ladri in pieno centro storico. All’interno della vettura guidata da I.D., la stessa utilizzata per allontanarsi dal luogo del furto, gli Agenti della Polizia di Stato hanno rinvenuto arnesi atti allo scasso ed i capi di abbigliamento indossati dalla donna in occasione del furto. I due fermati sono stati, pertanto, denunciati in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria davanti alla quale dovranno rispondere del furto aggravato commesso. La donna, L.D., inoltre, trovata in possesso di un documento rubato durante un furto perpetrato in Umbria, è stata anche denunciata per il reato di ricettazione. Al vaglio degli investigatori della Polizia di Stato, sono le eventuali responsabilità della coppia in alcuni furti commessi nel capoluogo reatino nei mesi scorsi.