Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, furti nel Cicolano. Arrestato uno de ladri della banda dell'Audi. E' un albanese di 34 anni

  • a
  • a
  • a

Questa mattina, lunedì 21 giugno, i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Cittaducale, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rieti, hanno arrestato un albanese di 34 anni, ritenuto responsabile di furto aggravato e ricettazione

I fatti risalgono al novembre del 2019 quando l'uomo, unitamente ad altri complici, aveva messo a segno ben 3 furti nei comuni di Fiamignano e Borgo San Pietro. La banda, alla guida di una potente Audi sportiva, rubata poco prima nella capitale, aveva svaligiato alcuni appartamenti asportando beni per un valore complessivo pari a 4.000 euro.  La presenza dei malviventi non era passata inosservata nei piccoli centri del Cicolano ove poco dopo era scattato l’allerta per le pattuglie in circuito. La fuga dei ladri era durata poco, infatti l’Audi, allontanandosi da quei centri a folle velocità, braccata dai militari era finita per schiantarsi contro un muro e i suoi utilizzatori si erano dileguati a piedi. 

 

All’interno del veicolo vennero rinvenuti arnesi per lo scasso, un frullino, refurtiva e passamontagna. I carabinieri di Cittaducale hanno quindi avviato una complessa attività di indagine che ha consentito l’identificazione, per il momento, di uno dei malviventi domiciliato nella periferia della capitale, con specifici precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e la persona.  Sorpreso alle prime ore dell’alba nella sua abitazione, è stato tratto in arresto dai Carabinieri di Cittaducale e dei colleghi di Tivoli, competenti per territorio, tradotto presso la Casa Circondariale di Perugia dove rimarrà a disposizione dell’Autorità giudiziaria poiché a suo carico sono stati raccolti elementi ritenuti sufficienti dagli inquirenti per l’imputazione di furto aggravato continuato in concorso e ricettazione. Ora continua la caccia agli altri componenti della banda. Potrebbero esserci in libertà altre due persone. Attraverso le tracce raccolte i militari cercheranno di arrivare anche a loro.