Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, elezioni comunali. Nel centrosinistra si sfilano Di Berardino e Fusacchia. In corsa Petrangeli, Mezzetti e Avetti

Alessandro Toniolli
  • a
  • a
  • a

Il centrosinistra si riunisce in vista delle amministrative ed i big dello schieramento danno la priorità: sfruttare al massimo le occasioni fornite dai fondi in arrivo da Governo, Europa e Regione. Un candidato unitario ancora non sembra essere emerso, ma cominciano a palesarsi disponibilità e ambizioni. La Sala dei Cordari fa da scenario alla prima occasione che vede unite le varie anime che si preparano a contendere al centrodestra il governo del capoluogo. Per l’occasione presente tutto lo stato maggiore, dal presidente della Commissione Bilancio della Camera dei Deputati Fabio Melilli, all’altro parlamentare reatino Alessandro Fusacchia, all’assessore regionale Claudio Di Berardino, al presidente della Commissione Bilancio della Regione Lazio Fabio Refrigeri. In platea tutti gli esponenti locali di partiti, sindacati e movimenti che si richiamano al progressismo, a cominciare dall’ex sindaco Simone Petrangeli.

L’obiettivo pare chiaro, costruire un campo largo in grado di contendere l’amministrazione cittadina e farlo per gestire al meglio le grandi risorse che si riverseranno sulla città provenienti dal Pnrr e dalla Regione Lazio, contando anche sulla spinta derivante dal sostegno al governo nazionale e regionale. Risorse in grado di dare finalmente risposte a questioni aperte da molto e mai risolte, dal raddoppio della Salaria, che assieme ai nuovi treni bimodali darà finalmente un collegamento più agile e sicuro con la capitale alla questione università, che è stata tema di un incontro convocato da Cicchetti presso il palazzo comunale, ma la cui soluzione pare arrivare dal governo nazionale con un ruolo non secondario giocato proprio da Fabio Melilli, solo per fare due esempi.

 

Di una candidatura unitaria ancora non si parla e neanche del metodo migliore per arrivarci, ma cominciano sempre più insistentemente a manifestarsi volontà di misurarsi e candidarsi alla carica di primo cittadino. La logica, seguendo anche quanto accaduto nella capitale con la candidatura Pd alle primarie dell’ex ministro dell’economia Roberto Gualtieri e la centralità data al miglior utilizzo delle risorse in arrivo, vorrebbe un personaggio con un profilo tecnico in grado di massimizzare al meglio l’occasione, e che magari costituisca una novità, ma notizie in questo senso non sembrano arrivare. Il deputato Fusacchia, in occasione della presentazione della sua lista Rieti in Comune sembra essersi tirato fuori, così come sembra non intenzionato a candidarsi Claudio Di Berardino, nome più volte circolato. Determinato a riproporre la sua candidatura sembra invece Simone Petrangeli, così come, tra le schiere Pd, il capogruppo Alessandro Mezzetti. Sempre nel Partito Democratico altro nome che è circolato nel dibattito politico è quello della consigliera comunale Emiliana Avetti.