Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terremoto, ricostruzione. Cantieri irregolari, multe e denunce. Blitz degli ispettori del lavoro e dei carabinieri

  • a
  • a
  • a

L’Ispettorato territoriale del Lavoro in collaborazione con i carabinieri di Rieti hanno eseguito una serie di controlli nel settore dell’edilizia, con particolare riguardo agli aspetti legati alla sicurezza sul lavoro, concentrando la propria attività sui cantieri presenti nei Comuni del cratere del terremoto per verificare la corretta applicazione della normativa in materia di sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro. In particolare sono state svolte delle approfondite verifiche in un cantiere di notevoli dimensioni realizzato nell’ambito della ricostruzione post-terremoto di Amatrice. 

Nel corso dell’attività di vigilanza, come pure per i controlli sul rispetto dei protocolli Covid, sul cantiere stesso, sono stati trovati al lavoro una ventina di operai. A seguito di ulteriori controlli sulle banche dati dell’Ispettorato del lavoro è emerso che nel cantiere, l’attività lavorativa veniva esercitata da ben nove società diverse. Sul loro concomitante impiego sono attualmente in corso approfonditi accertamenti utili per verificare le interconnessioni con l’appalto generale, come pure la regolare occupazione di tutti i lavoratori, che sono stati tutti puntualmente identificati e ascoltati dal personale dell’Ispettorato.  Dal punto di vista della sicurezza sul lavoro, sono state accertate delle inadempienze di diversa gravità che hanno portato ad attuare provvedimenti sanzionatori non solo amministrativi ma anche di natura penale. 

 

Particolare attenzione è stata quindi rivolta sugli aspetti e sulle irregolarità riscontrate relative alla corretta utilizzazione delle cinture sicurezza, da parte degli operai operanti in quota, ai corretti ancoraggi e stabilità e carico dei ponteggi, alla adeguata recinzione e quindi inibizione agli estranei del cantiere. Dal punto di vista lavoristico sono stati effettuati i controlli, ancora in via di approfondimento e definizione, sulla bontà dei distacchi dei lavoratori (alcuni provenienti addirittura da altre Regioni) e sul corretto ricorso ai diversi subappalti.  “E’ bene sottolineare - fanno sapere dall’Ispettorato territoriale del Lavoro di Rieti e Terni - oltre al fondamentale supporto dell’Arma dei carabinieri presenti sul territorio, la recente sottoscrizione di uno specifico protocollo di intesa con la Cassa edile di Rieti per la condivisione delle rispettive banche dati conoscitive e relative informazioni, nonché la possibilità di svolgere iniziative formative e informative anche in materia di cultura e sicurezza sul lavoro”.