Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

A Mompeo l'incendio riprende vigore: torna la paura

Esplora:

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

Sembra non conoscere fine l'emergenza incendio che da più di due giorni tiene in ansia la piccola comunità di Mompeo, comune incastonato nel cuore della Sabina. Da qualche minuto, infatti, le fiamme sono tornate ad alzarsi all'altezza della strada d'accesso al centro abitato, con la conseguente mobilitazione di uomini e mezzi, sia di terra che aerei, di vigili del fuoco e protezione civile, che incessantemente ormai, da più di 48 ore, presidiano la zona per spegnere l'incendio. Un presidio costante, che per tutta la notte appena trascorsa ha visto pattugliata l'intera area, con il supporto del personale del Comune e degli stessi cittadini. Sono intanto rientrate a casa le 50 persone che hanno trascorso ore fuori casa, a seguito dell'ordinanza emanata dal sindaco Silvana Forniti per tutelare l'incolumità degli abitanti dell'area del borgo più vicina alle fiamme. I residenti, ospitati nei locali del centro diurno comunale, hanno fatto ritorno nelle loro abitazioni. Ma l'emergenza resta alta, come scrive anche in una nota la stessa sindaca Forniti. "Nel guardare il mio piccolo Comune andare in fiamme ho provato tanta sofferenza, e nello stesso tempo una rabbia incredibile contro chi, senza scrupoli e per il solo gusto di far del male, se ne frega delle gravi conseguenze di un piccolo e vergognoso gesto – scrive il primo cittadino di Mompeo - la paura per l'incolumità dei miei cittadini è stata incredibile, ma è prevalsa in me la volontà di combattere con tutte le forze la gravità della situazione, mettendomi a completa disposizione. Ma ho avuto al mio fianco i miei collaboratori, tutti i dipendenti comunali e tutto il paese. Tutti, veramente tutti, si sono mobilitati in ogni modo per uno scopo univoco: difendere Mompeo, ognuno mettendo in campo le proprie risorse. Non solo. Un dispiegamento di forze incredibile si è mosso in nostro soccorso, difendendoci da ogni parte e con ogni mezzo: squadre di vigili del fuoco, squadre della protezione civile provenienti da ogni parte della Sabina, volontari, Canadair ed elicotteri per tutta la giornata. Non posso fare a meno di ringraziare tutta la cittadinanza e tutti gli operatori che, con grande coraggio, sacrificio e mettendo a rischio la propria incolumità, hanno fatto tutto il possibile per tutelare noi e tutto il nostro territorio”.