Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti Covid, insegnante positiva alla scuola Minervini. Cinque classi in quarantena

Paola Corradini
  • a
  • a
  • a

L’Asl di Rieti prova ad accelerare la Campagna anti Covid ma il problema più grande, almeno in questa fase, rimangono le scuole. Dopo il Luigi di Savoia e l'Elena Principessa di Napoli, anche alla Minervini, come comunicato dal dirigente scolastico, c'è un nuovo positivo, si tratta in particolare di una docente. Quindi le cinque classi dove l’insegnante insegnava sono state messe in quarantena e la scuola oggi resterà chiusa per le operazioni di sanificazione previste dal protocollo. Tutto regolare alla Minervini-Sisti, per le altre classi dall’infanzia alle medie.

Da ieri, lunedì 3 maggio, a mezzanotte è partita la prenotazione online per la somministrazione del vaccino anti Covid per la fascia di età 57 e 56 anni. A Rieti la campagna Vaccinale anti-Covid ha superato, nel week end, la soglia delle 50 mila dosi somministrate. Ieri pomeriggio alle 17 il numero, come dai dati in tempo reale della Regione Lazio, era salito di 52.743. Con una copertura in prima dose vicina al 30% e al 16% in seconda dose. Sabato altro record con 1.144 somministrazioni in un giorno. L'apertura del nuovo hub presso la Caserma Verdirosi ha dato un forte input alla campagna vaccinale a Rieti che nei prossimi giorni accelererà ancora visto l'arrivo di ulteriori dosi. Si può considerare praticamente conclusa la vaccinazione in prima dose degli over 80, con 11.196 dosi di vaccino somministrate (86%) e 8.975 di immunizzati (69%). Prosegue, nel frattempo, la vaccinazione dei cittadini non autosufficienti eseguita a domicilio con la somministrazione di 3.100 dosi. 

 

Oltre duecento le vaccinazioni giornaliere previste al nuovo centro vaccinale alla Caserma Verdirosi che ha fatto impennare il numero delle somministrazioni. In settimana sarà firmato il protocollo tra la Provincia e l'ordine dei Medici di Rieti per la concessione in comodato d'uso gratuito del PalaMalfatti ai medici di famiglia per la somministrazione dei vaccini. Si corre per arrivare all'estate con una buona fetta di cittadini vaccinati. E si deve correre perché i contagi non si fermano anche se il numero dei positivi continua a scendere e al De' Lellis i reparti Covid non sono saturi come un mese fa tanto che, al momento, il reparto di Terapia Intensiva situato nella zona antistante l'ex Pronto Soccorso, è stato chiuso. Il problema più grande rimangono le scuole.