Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, Irene Volpe cucina i falloni con la verdura. Ecco come ha rivisitato la ricetta della nonna di Collevecchio

  • a
  • a
  • a

E' una delle prelibatezze della Sabina. Il fallone ripieno di verdura che per l'occasione è diventato gourmet grazie all'estro di Irene Volpe, la romana finalista di Masterchef 10, che ha origini sabine. Sua nonna infatti è di Collevecchio e spesso per le festività la giovane aspirante cuoca passa delle giornate nella campagna del paesino per scappare dalla frenesia della città. E, quando è in Sabina, ormai ha abituato i suoi fans ad "assaporare" i sapori di quella terra. A Pasqua fece una pizza.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Irene Volpe (@irenevolpe_masterchef)

 

Nel week end del primo maggio si è cimentata con il fallone ripieno di bieta per poi condividere la ricetta e il risultato su Instagram. "Cara nonna, così ho deciso di riassaporare le tue radici, i tuoi sapori, i tuoi famosissimi falloni ripieni di bieta. Ho pensato di trasformarli in una focaccia a lievitazione naturale, morbida morbida, un pochino più gialla, perché sai, utilizzo spesso la curcuma. Quanto mi piacerebbe fartela provare, è una spezia versatilissima. Ho ricreato il tuo nido, con delle erbe miste di campo, che ho ripassato con dell'Evo buono buono, aglio e peperoncino. E poi sai, nonnina, sono solita a dare un tocco di colore a qualsiasi cosa io faccia, ecco perché ho arrostito dei pomodorini, che per altro, aggiungono tanta dolcezza, quella che trasmettevi tu. Grazie nonnina, ti penso sempre, e quando ho paura, quando sono triste, spaesata, ricerco te attraverso i tuoi sapore".

 

Insomma un'altra vetrina inaspettata per i prodotti tipici della Sabina. Infatti già a Pasqua come detto ebbe un grande successo sui social la tradizionale pizza - che in Sabina è un dolce che tuttavia può essere fatto anche salato con il formaggio - e non quella che tutti conosciamo con il pomodoro e la mozzarella. Da quello che filtra anche spulciano i social Irene è molto legata alle sue origini sabine e ai piatti della nonna.