Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti Covid, vaccini nella caserma Verdirosi al ritmo di duecento dosi al giorno | Video

Paola Corradini
  • a
  • a
  • a

“Uniamo le forze, vacciniamoci” è questo lo slogan del nuovo centro inaugurato ieri, venerdì 30 aprile, alla Caserma Verdirosi di Rieti che garantirà, partendo da oggi, una media di 200 vaccini al giorno per arrivare, a 1200 vaccinazioni giornaliere. E' questa la buona notizia che arriva dalla voce dell'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato e del direttore generale della Asl Marinella D'Innocenzo. Sono loro, affiancati dal generale Emilio Corbucci, Comandante della Scuola Interforze per la Difesa Nbc a lanciare il taglio del nastro, ma un passo indietro, come voluto dall'assessore D'Amato, che lascia lo spazio a un'infermiera e un militare per aprire l'ingresso al nuovo hub. Tante le autorità presenti, tra cui Antonio D'Onofrio, presidente della Fondazione Varrone che, come accaduto all'ex Bosi, ha contribuito alla realizzazione del nuovo centro. Nell'oratorio di San Pietro Martire il vescovo Domenico Pompili parla di “un luogo particolare di valore storico-artistico. Oggi respiriamo uno spirito di condivisione e solidarietà che deve diventare planetaria anche se è innegabile che ci sono ancora diseguaglianze, invece i vaccini devono essere per tutti e non possiamo dimenticare i fragili”. Poi la recita del Padre Nostro e la benedizione prima di passare la parola al direttore generale Marinella D'Innocenzo: “Con l’apertura di questo centro si cementa la collaborazione tra Asl ed Esercito; militari e infermieri sono stati fianco a fianco. Per noi tutti questo è un luogo simbolo, a pochi passi c'è la casa di riposo Santa Lucia dove un anno fa eravamo impegnati a gestire una grave emergenza. Oggi gli ospiti sono tutti vaccinati e siamo vicini alle 50mila dosi di vaccino somministrate”. Il direttore generale legge i saluti inviati dal Commissario Figliuolo con una lettera ufficiale: “Un plauso al centro vaccinale alla Caserma Verdirosi. Insieme ce la faremo”.

Il generale Corbucci ricorda che “l'esercito ha aderito con entusiasmo alla richiesta della Asl per una collaborazione, abbiamo dato supporto in un periodo così difficile dove la collaborazione è fondamentale. Ora dobbiamo continuare insieme”. A chiudere gli interventi l'assessore D'Amato: “Abbiamo aperto tanti hub, ma questo è un luogo speciale; la campagna vaccinale sta andando molto bene e la prossima settimana correremo ancora più velocemente con l’arrivo di ulteriori dosi e l'accordo chiuso proprio ieri con le farmacie per la somministrazione dei vaccini. L’obiettivo è di vaccinare la maggior parte dei cittadini entro agosto”.

 

Poi la visita dell'area vaccinazioni lungo il chiostro con il punto d'accoglienza, la sala d'attesa, l'accettazione e la sala osservazione realizzati con pannelli trasparenti. All'interno l'area vaccinazioni con 6 box: 2 per l’anamnesi e 4 per la somministrazione e 15 tra medici, infermieri e amministrativi.