Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fara in Sabina, giovani di Monterotondo violano la zona rossa con la droga in auto: multati in sei

  • a
  • a
  • a

Viaggiavano in sei dentro un'utilitaria e uno di loro nascondeva della droga nei calzini. Ma, soprattutto, avevano violato la zona rossa.  Nel corso di specifici servizi predisposti dalla Compagnia Carabinieri di Poggio Mirteto per il contenimento del rischio pandemico da virus Covid-19, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile nel pomeriggio di ieri. venerdì 16 aprile nel territorio del Comune di Fara in Sabina, per l'ultimo giorno in zona rossa, hanno proceduto al controllo di una Ford Fiesta con a bordo 6 giovani, tutti residenti e provenienti da Monterotondo.   I ragazzi, privi dei documenti di riconoscimento e senza una valida giustificazione per il loro spostamento, sono stati così accompagnati presso la sede della compagnia mirtense per le attività di identificazione e sanzionati per non avere rispettato il divieto di spostamento in entrata ed in uscita dai territori dei Comuni anzidetti che, come noto, sono sottoposti alle restrizioni imposte nelle aree arancioni e rosse.  

 

Nel calzino di uno dei 6 giovani (3 maggiorenni e 3 minorenni, tutti sottoposti a perquisizione personale e veicolare) è stato trovato un grammo di sostanza stupefacente, nello specifico dell'hashish Quest’ultimo, quale conducente dell’autovettura sopra indicata, oltre ad essere stato contravvenzionato per avere trasportato un numero di passeggeri superiore a quello consentito è stato segnalato “per uso personale di stupefacenti al competente Ufficio della Prefettura di Roma.  A carico dei predetti sono state elevate sanzioni per complessivi 4.000 euro.

 

Continuano i controlli dei carabinieri per far rispettare le norme anticovid. Nelle ultime due settimane i controlli si sono concentrati nella zona di Fara in sabina visto che il Comune è stato, per 14 giorni, zona rossa. Nei controlli che sono continuati fino alle 1 del 17 aprile, quando il territorio è tornato in arancione, sono stati impegnati 100 uomini delle varie forze dell'ordine e dell'Esercito.