Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti Covid, dieci pazienti curati con gli anticorpi monoclonali in due settimane

  • a
  • a
  • a

Rieti, dieci pazienti curati con la terapia degli anticorpi monoclonali. Presso il centro di somministrazione monoclonali Covid-19, aperto lo scorso 30 marzo nel reparto di malattie infettive dell’ospedale de’ Lellis di Rieti diretto dal dottor Mauro Marchili, in soli 14 giorni sono stati trattati con gli anticorpi monoclonali dieci pazienti, tutti residenti in provincia di Rieti, entro 72 ore dai sintomi. 

 

Si tratta di cinque donne di 51, 45, 90, 31 e 51 anni e cinque uomini di 74, 61, 58, 92 e 71 anni.  Il trattamento è avvenuto secondo le indicazioni dell’Aifa (pazienti positivi al virus, ad alto rischio di progressione dell’infezione verso forme severe di malattia, preferibilmente entro 72 ore e comunque entro 10 giorni dalla comparsa dei sintomi di grado lieve/moderato).  I dieci pazienti sono tutt’ora seguiti, in collaborazione con i Medici di Medicina Generale, dal personale medico del Centro di Somministrazione Monoclonali Covid19 di Rieti mediante aggiornamenti telefonici. Tutti i pazienti hanno ben tollerato l’infusione della terapia.  Il centro è aperto tutti i giorni. La somministrazione delle terapie monoclonali è avvenuta anche il giorno di Pasqua.  Per accedere al Centro di Somministrazione Monoclonali Covid19 è necessaria la prescrizione del Medico di famiglia e/o del Pediatra, di quella delle USCAD o del Medico di Pronto Soccorso, attraverso un numero di telefono dedicato ai Medici, messo a disposizione dalla Asl di Rieti e dell’invio di una e-mail con la scheda di richiesta di somministrazione della terapia.  

 

Per quanto riguarda la vaccinazione anticovid19 Asl Rieti: ad ora il numero totale di dosi somministrate in provincia di Rieti raggiunge le 35.386 unità: 24.431 prime dosi (18.361 Pfizer e 6.070 Vaxzevria) e 10.955 seconde dosi.  Sale il numero di over 80 anni vaccinati: sono 9.424 in prima dose pari al 73% del totale e 6.319 in seconda dose, pari al 49% del totale.   Bene anche la somministrazione del vaccino agli over 89 anni che in seconda dose raggiunge le 6.194 unità, pari al 48% del totale.