Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, rave party in un capannanone del Comune di Configni. Blitz dei carabinieri: multati 13 giovani

  • a
  • a
  • a

Volevano organizzare un rave party all'interno di un capannone di proprietà del Comune di Configni. Nel corso degli incessanti servizi predisposti dalla Compagnia Carabinieri di Poggio Mirteto per la prevenzione della diffusione del virus Covid-19, i militari della Stazione di Configni, coadiuvati dai colleghi della Stazione di Collevecchio, hanno individuato 13 giovani (dai 18 ai 39 anni), tutti provenienti da fuori Provincia, che stavano preparando un rave-party. Insomma stavano preparando una festa clandestina alla quale, con ogni probabilità, avrebbero partecipato centinaia di persone provenienti da tutta Italia.

 

Nella tarda serata di venerdì 9 aprile, gli stessi avevano raggiunto località Piano Lago sita sul Monte “Cosce”, e si erano introdotti, dopo aver danneggiato il cancello d’ingresso, in un capannone di proprietà del Comune di Configni, con l’intenzione di dar vita a un “rave party”, ma sono stati interrotti dall’arrivo dei Carabinieri. I militari, dopo averli identificati e sanzionati per le violazioni previste dalle normative anticovid, li hanno fatti allontanare, inoltre, a loro carico è scattata anche la denuncia all’Autorità Giudiziaria per l’essersi introdotti in una proprietà privata e per il danneggiamento del cancello d’ingresso.

 

 

Insomma l'intervento dei carabinieri ha impedito il party clandestino. Questo tipo di rave, al di la dei divieti imposti dal Covid, viene organizzato proprio in questo modo. Si individua un'area isolata, come è quella del Monte Cosce al confine tra le province di Rieti e Terni, poi si porta il materiale nottetempo e si chiamano i partecipanti attraverso delle catene che si formano sul web e sui social. Ma questa volta gli organizzatori sono incappati nei controlli predisposti per il rispetto delle misure anti Covid. I militari avevano notato quelle auto non conosciute che salivano verso il Monte Cosce. Visti i divieti in atto non potevano certo andare a fare una scampagnata. Seguendoli hanno scoperto il loro piano.