Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti Covid, il bollettino del 9 aprile: 34 nuovi casi e 65 guariti

  • a
  • a
  • a

Emergenza coronavirus: 34 nuovi casi e 65 guariti nelle ultime 24 ore. E' quanto emerge dall'ultimo aggiornamento sull'andamento della pandemia in provincia di Rieti della Asl. All’esito delle indagini eseguite nelle ultime 24 ore si registrano 34 nuovi soggetti positivi al test Covid 19 a Rieti (7),  Amatrice (11), Antrodoco (1), Borbona (1), Casperia (1), Castel Sant'Angelo (1), Castelnuovo di Farfa (1), Cittaducale (2), Montopoli in Sabina (1), Nespolo (1), Petrella Salto (2), Poggio Mirteto (1), Poggio Moiano (2), Toffia (1) e Torricella in Sabina (1).   

Si registrano 65 nuovi guariti: (25) Rieti – (1) Borgo Velino – (2) Borgorose – (1) Cantalice – (1) Castel di Tora – (4) Cittaducale – (2) Contigliano – (8) Fara in Sabina – (2) Monte S. Giovanni – (1) Montopoli in Sabina – (3) Nespolo – (1) Pescorocchiano – (1) Poggio Bustone – (1) Poggio Catino – (1) Poggio Nativo – (3) Scandriglia – (1) Selci – (5) Toffia – (2) Vacone.  Nelle ultime 24 ore sono stati eseguito 370 tamponi. Il numero totale dei test effettuati dall'inizio della pandemia è 69.919. Totale positivi in provincia di Rieti: 1.001.  

 

Il Lazio resterà in fascia arancione anche la settimana prossima: “Non ci sarà nessun cambio - ha detto l’assessore regionale alla sanità, Alessio D’Amato -. Abbiamo un rt a 0.9 in lieve diminuzione, così come sono in diminuzione i tassi di incidenza su 100 mila abitanti. Permane una situazione di pressione sulla rete ospedaliera, ma era inevitabile provenendo da un rt a 1.3, però ci sono le condizioni per rimanere in arancione”. L’assessore è anche intervenuto sulla campagna vaccinazioni alla luce delle nuove direttive che sconsigliano l’Astrazeneca agli under 60: “Chi ha già prenotato continuerà a fare il vaccino per cui era prenotato. Abbiamo oltre un milione e 100 mila prenotazioni e quelle continueranno ad andare avanti. E’ chiaro - ha aggiunto - che questa situazione genera un elemento di turbolenza, soprattutto quando arriveremo alle classi under 60, lì dobbiamo avere certezza delle dosi e delle eventuali dosi in più per compensare AstraZeneca”.