Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, zona rossa a Pasqua: 300 controlli e 20 sanzioni

Luca Feliziani
  • a
  • a
  • a

Il lungo fine settimana di Pasqua è scivolato via senza grossi problemi. Il piano uscito dall’ultima riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza della Prefettura messo poi in atto dal Questore di Rieti Maria Luisa Di Lorenzo, ha dato risultati importanti su tutto il territorio. Risultati importanti agevolati anche dal senso civico dei reatini che in questi giorni di festa hanno osservato scrupolosamente le regole anti Covid. Poche le persone in giro, poche quindi le sanzioni elevate.“Sono andata personalmente sul territorio per vedere la situazione e devo dire di essere stata piacevolmente impressionata da come la gente in questi giorni di festa abbia rispettato in pieno le norme”. Le parole sono quelle del Questore Di Lorenzo che ha coordinato in questi giorni il grande lavoro delle forze dell’ordine impegnate in ogni angolo della provincia. Uno sforzo che solo i numeri possono evidenziare. Quasi 350 gli uomini della Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza che in questi primi giorni di aprile si sono aggiunti alle 30 pattuglie normalmente presenti.

 


 

“Mi preme di sottolineare - continua il Questore - il grosso aiuto dato anche dalle polizie locali e da quella provinciale”. Insomma un lavoro di squadra iniziato dalle grandi arterie dove quindici pattuglie hanno controllato gli snodi verso le altre regioni: Accumoli per Ascoli Piceno, Antrodoco per L’Aquila, Passo Corese per Roma, Borgorose per l’Abruzzo e Magliano per Viterbo. 

 


A Rieti e nel resto della provincia quindi poche persone controllate e quindi poche sanzioni come ha ricordato il Questore. Situazione leggermente diversa nella zona rossa di Fara in Sabina dove il territorio è stato sorvegliato da 60 uomini con l’esercito a presidiare la stazione ferroviaria. Esercito che arriva da Accumoli e Amatrice e che presto tornerà nella zona del cratere.“In questi giorni nel Comune di Fara in Sabina abbiamo controllato trecento persone ed elevato una ventina di sanzioni per mancato rispetto delle norme anti Covid - continua Maria Luisa Di Lorenzo - ma anche qui i numeri non sono alti considerando anche la vastità e la complessità del territorio. Complessivamente dal primo di aprile fino a Pasquetta c’è stato uno sforzo notevole e a Fara Sabina questo sforzo continuerà ancora per quindici giorni quindici giorni. Ora non dobbiamo abbassare la guarda, speriamo che questo sia l’ultimo sforzo prima di tornare alla normalità. Voglio ringraziare tutte le forze dell’ordine per il grande lavoro che ogni giorno fanno sul territorio e nello stesso tempo mi sento di ringraziare anche i cittadini che in questi giorni hanno avuto una condotta ineccepibile. Un lavoro congiunto che ha portato ai risultati sperati per il contenimento del Covid”.