Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Piazzapulita, blitz a Fiano Romano: ecco perché gli operatori sanitari del focolaio Covid rifiutano il vaccino

  • a
  • a
  • a

La vicenda della casa di riposo di Fiano Romano, dove i dipendenti hanno rifiutato il vaccino e diffuso il contagio da Covid tra gli ospiti, è finita al centro della puntata di Piazzapulita. Approvato il decreto che rende obbligatorio il vaccino per il personale sanitario, Luca Bertazzoni, inviato del programma di La7, è andato a sentire come l'hanno presa gli operatori che non vogliono il farmaco. E proprio davanti alla casa di riposo ha incrociato un'anziana che voleva entrare nella struttura e non sapeva della diffusione del virus.

Poi Bertazzoni ha intervistato Roberto Agresti, titolare della struttura di Fiano: "E' un dato di fatto che il 50% dei sanitari non si vaccina". Il giornalista chiede se ci ha parlato, se ha provato a convincere gli operatori. La risposta: "Io non devo convincere nessuno". E davanti alla possibilità di poter sospendere gli operatori dal posto di lavoro? "Se ci sarà l'obbligatorietà saranno costretti a vaccinarsi per lavorare e c'è comunque qualcuno di loro che vuole vaccinarsi, ma hanno paura. Il giovane, il trentenne, si sente forte. Quindi dice: cosa mi può succedere? E il vaccino non preclude il rischio di infezione". E ancora: "Loro non mi hanno detto che non si volevano vaccinare, ma che avevano paura. Se c'è questa necessità di vaccinarsi, va resa obbligatoria dall'alto. Io non li avrei obbligati". Clicca qui per vedere il servizio a Fiano Romano

Bertazzoni si è poi spostato alla Rsa di Bagno di Romagna, dove era stato già a gennaio. Alcuni operatori continuano a rifiutarsi di sottoporsi al vaccino. Alla vigilia del decreto che rende obbligatorio il vaccino per il personale sanitario, La7 è tornata a capire quale è la situazione a Bagno di Romagna. Il sindaco Marco Baccini ha spiegato che se devono essere sostituiti gli operatori che non si vaccinano e nel frattempo continuare a pagare gli stipendi, i costi raddoppiano: "Circa 200 mila euro per un Comune di 5.800 abitanti è un costo insostenibile".