Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid a Fara in Sabina, zona rossa dietro l'angolo dopo boom di contagi. La Asl studia misure restrittive

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

Contagi in aumento vertiginoso – quasi 100 nell’ultima settimana -, casi sospetti di variante inglese che sembrano andare ben oltre quello in esame presso i laboratori dell’istituto Spallanzani di Roma, e una situazione che, al netto delle già stringenti restrizioni disposte dall’amministrazione comunale, sembra ormai fuori controllo. Per questo, da qualche ora, la Asl di Rieti ha avviato un monitoraggio specifico ed approfondito su Fara Sabina e sulla sua esposizione al Covid-19, non escludendo la possibilità di “predisporre ulteriori misure stringenti di tutela della salute pubblica, volte a contrastare e contenere il diffondersi del virus sul territorio del comune sabino”.

 

Il che, parafrasato, non può che significare zona rossa, per un Comune che ha già, nell’ordine, tutte le scuole chiuse, tutti i parchi e le aree all’aperto chiusi, e da domani anche il mercato comunale limitato ai soli banchi alimentari. Era nell’aria, non è ancora sicuro, ma vista l’esposizione chiara e lampante dell’azienda reatina, la chiusura totale del secondo Comune della provincia per le prossime due settimane appare ormai cosa difficile da evitare. Tanto che, non appena resa pubblica la nota della Asl, dal quartier generale del Centro Operativo Comunale, di Passo Corese, il sindaco Roberta Cuneo ha convocato per domani, giovedì 1 aprile, una conferenza stampa straordinaria alle ore 16, per fare il punto della situazione.

 

 

“I dati giornalieri che abbiamo registrato anche oggi sono importanti – ha spiegato la prima cittadina di Fara Sabina - siamo in continuo contatto con le autorità deputate alla sicurezza e alla tutela della salute pubblica per gestire questa fase particolarmente critica per il nostro Comune”. Della situazione è stata attenzionata anche la Prefettura di Rieti, che a sua volta si è messa in stretto contatto anche con la Regione Lazio, che è poi l’ente deputato ad emanare l’ordinanza di proclamazione della zona rossa, predisponendo la chiusura totale del Comune da e verso l’esterno.