Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti Covid, cinquanta farmacie pronte per la campagna vaccinale

  • a
  • a
  • a

Le farmacie del Lazio e anche di Rieti e della provincia hanno dato la loro pre-adesione alla campagna vaccinale e non appena arriverà il vaccino Johnson&Johnson, semplice e monodose, anche nei comuni più piccoli del Lazio, la rete delle farmacie dovrà essere pronta. Si attende l’incontro definitivo con la Regione Lazio sul protocollo che il Ministero della Salute sta mettendo a punto insieme ai vertici nazionali di Federfarma. Poi si dovranno seguire le modalità di distribuzione e di prenotazione per arrivare a fine aprile, quando è previsto l'arrivo del vaccino Johnson&Johnson.

 

Le farmacie dovranno attrezzarsi per creare una zona di accettazione, una di inoculazione e una di osservazione e, inoltre, i farmacisti dovranno frequentare un corso di 20 ore presso il ministero della Salute e a quel punto diventeranno farmacisti vaccinatori. Il protocollo prevede che siano gli stessi farmacisti a somministrare le dosi. A Rieti e provincia sono già 50 su 72 le farmacie che hanno aderito come confermato da Pierluigi Cortellini di Federfarma Rieti. “Tra le rimanenti alcuni sono farmacie comunali e quindi seguono un altro iter – spiega – mentre altre private stanno aderendo in questi giorni attraverso la piattaforma”.

 

Fine aprile è la data che Regione Lazio e Governo indicano come punto di partenza per le vaccinazioni nelle farmacie, ma non è così semplice. Anche se non impossibile. “Ci sono – aggiunge Cortellini – parecchie cose da considerare. Il come e il dove, se serve una prenotazione e nel caso come farla. Dopo l’incontro di lunedì con l’assessore regionale alla sanità Alessio D’Amato si sta lavorando alla stesura di un protocollo per la procedura vaccinale. Se vogliamo essere ottimisti prendiamo per buona la data di fine aprile anche se si dovrà arrivare presto ad un atto concreto e chiaro. Noi come categoria ci siamo impegnati a vaccinare e lo faremo. Ora attendiamo direttive chiare”. Da parte sua l’assessore D’Amato ha detto che la Regione Lazio è pronta e “i cittadini potranno a breve prenotarsi sulla piattaforma regionale scegliendo la farmacia territorialmente più vicina con il loro codice fiscale e secondo le classi di età”.