Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti Covid, il bollettino del 30 marzo: 4 morti, 34 nuovi casi e 84 guariti

  • a
  • a
  • a

Quattro morti, 34 nuovi casi e 84 guariti. E' quanto emerge dal bollettino della Asl di Rieti sull'emergenza coronavirus di martedì 30 marzo. A perdere la vita un uomo di 69 anni che e un uomo di 84 anni che erano ricoverati nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale De Lellis, un uomo di 91 anni e uno di 86 anni che erano ricoverati nel reparto Covid.  All’esito delle indagini eseguite nelle ultime 24 ore si registrano 34 nuovi soggetti positivi al test Covid 19 a Rieti (6), Amatrice (3), Cantalice (2), Casperia (1), Castel di Tora (1), Cittaducale (1), Collevecchio (3), Fara in Sabina (9), Monte San Giovanni (1), Pozzaglia Sabina (1), Scandriglia (4), Tarano (1), Torricella in Sabina (1).  

 

Si registrano 84 nuovi guariti: (36) Rieti, (1) Antrodoco,  (1) Borgorose,  (5) Cantalice,  (1) Casperia, (1) Castelnuovo di Farfa, (1) Cittaducale, (4) Contigliano, (6) Fara in Sabina, (1) Fiamignano, (1) Labro, (1) Magliano Sabina, (2) Micigliano, (7) Monte San Giovanni, (3) Monteleone Sabino, (3) Montopoli in Sabina, (4) Poggio Mirteto, (1) Poggio Nativo, (1) Salisano, (2) Scandriglia, (1) Stimigliano, (1) Toffia.    Numero tamponi eseguiti: 402. Numero totale tamponi eseguiti: 67.052.  Totale positivi in provincia di Rieti: 1.101.  

 

Nel tardo pomeriggio di ieri, lunedì 30 marzo, il laboratorio analisi dell’ospedale de’ Lellis di Rieti, ha sottoposto al cosiddetto pre-test per lo studio della variante da Covid tre tamponi molecolari con sospetta variante inglese: due riconducibili ad un cluster individuato nel comune di Rieti e un terzo riconducibile ad un cluster individuato nel comune di Fara in Sabina.  La Asl di Rieti comunica che i pre-test hanno dato esito positivo pertanto, i tamponi, sono stati inviati all’INMI Lazzaro Spallanzani di Roma per ulteriori opportuni approfondimenti e conferma, attraverso il sequenziamento del genoma del virus.  Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Aziendale ha già isolato i cluster attivando, in via precauzionale, tutte le misure di prevenzione e contenimento, come da Protocollo.