Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, provoca incidente e fugge senza soccorrere i feriti. Denunciato dalla polizia stradale

  • a
  • a
  • a

E' fuggito dopo aver provocato un incidente senza preoccuparsi dei feriti. È scattata la denuncia per omissione di soccorso e fuga, per l'automobilista che dopo aver provocato un incidente con feriti ha fatto perdere le sue tracce. È accaduto tutto nella mattinata di domenica 14 marzo, in località Piani Sant'Elia alle porte di Rieti, quando una donna alla guida del suo veicolo mentre percorreva la via Tancia veniva urtata da un'altra auto di colore nero che dopo aver invaso l'opposta corsia di marcia e aver causato l'incidente, si dava alla fuga senza prestare soccorso. 

 

Tuttavia gli agenti della polizia stradale, che quel giorno sono intervenuti per i rilievi, hanno raccolto diverse testimonianze e raccolto elementi che hanno portato ad identificare il presunto pirata della strada. L'uomo è stato dunque denunciato a piede libero per l'ipotesi di reato di omissione di soccorso e lesioni stradali. L'auto intestata al presunto pirata è stata sequestrata dagli agenti della Stradale. E' a disposizione degli inquirenti per ulteriori accertamenti necessari per chiarire la dinamica dell'incidente.

 

Quel giorno la donna che era diretta verso il capoluogo si è vista piombare addosso una vettura, un'utilitaria, che proveniva a forte velocità dal senso di marcia opposto. Secondo gli elementi raccolti dagli agenti l'auto del presunto pirata avrebbe invaso la corsia opposta e l'impatto frontale con il mezzo condotto dalla donna è stato inevitabile. Non è riuscita a schivare il mezzo che le è piombato addosso all'improvviso.  Nonostante lo schianto e le lamiere contorte delle auto, l'uomo che era alla guida del mezzo che aveva provocato il tutto ha ingranato la marcia e si è allontanato senza pensare alla sorte delle persone che erano nell'altra auto. Persone che hanno avuto bisogno delle cure dei sanitari perché rimaste seriamente ferite a causa della violenza dello schianto. La denuncia è stata inviata alla Procura della Repubblica.