Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fiano Romano zona rossa. Il sindaco chiude la pista ciclabile

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

Le restrizioni già adottate su parchi, aree verdi e luoghi pubblici all’aperto non sono bastate a contenere un’impennata di contagi ormai costante, tanto da portare il territorio comunale alla soglia dei 200 casi positivi accertati fino ad ora, e così il sindaco di Fiano Romano, Ottorino Ferilli, rafforza ulteriormente la stretta, chiudendo con ordinanza l’accesso alla frequentatissima pista ciclo-pedonale che da via San Sebastiano arriva fino alle porte del centro storico.

La decisione è stata presa al termine di un incontro tenuto in Municipio con le rappresentanze di carabinieri e polizia locale, nel quale si è convenuta la nuova stretta: “Non ci sono le condizioni per usufruire della pista ciclopedonale – spiega non senza rammarico il sindaco Ferilli - l’aumento costante del numero delle persone positive e il risultato dei controlli effettuati dalle forze dell’ordine in questi ultimi giorni, parlano chiaro. L’ordinanza di chiusura sarà in vigore da domani (26 marzo, ndr) fino al 5 aprile compreso. Invito chi è tenuto a rispettare isolamento e quarantena, a farlo nel rispetto di sé e degli altri: saranno effettuate le dovute verifiche. Nel frattempo ricordo il nuovo servizio dell’Unità di Emergenza Covid-19 (Uce), riservato alle persone positive, in isolamento o quarantena: si può chiamare lo 0765/407333 nei giorni lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8:30 alle 10:30 per parlare direttamente con il personale pronto a rispondere alle vostre domande o a raccogliere eventuali richieste, invece, dalle 10:30 alle ore 22:00 (tutti i giorni) sarà attiva una segreteria telefonica attraverso la quale lascerete i vostri riferimenti per essere ricontattati.

 

"Dobbiamo fermare i contagi. Abbiamo interi nuclei familiari colpiti dal virus. So perfettamente che non è facile; dopo un anno stiamo affrontando una fase ancora più difficile delle precedenti – ribadisce Ferilli - Ma a differenza di qualche mese fa, ora sappiamo tutti cosa fare e come”.