Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti Covid, terapia intensiva in sofferenza: occupati 17 posti su 21

Paola Corradini
  • a
  • a
  • a

Covid, la situazione dei positivi nel reatino continua a rimanere critica con un aumento di casi, circa 250, in poco più di una settimana, che porta il totale a 945 e 59 nuovi soggetti positivi di cui 23 a Rieti città. Nella giornata di ieri, 19 marzo, anche due nuovi decessi: un 58enne ricoverato a terapia intensiva e un 78enne ricoverato in uno dei reparti Covid. I reparti di terapia intensiva, anche quello inaugurato qualche settimana fa, malattie infettive e Covid, sono praticamente pieni con pazienti non soltanto anziani, ma anche di età media. Il numero dei posti letto occupati era di 17 su 21 ma la situazione ovviamente è in continua evoluzione. Quindi l’emergenza è ancora in atto e i medici non possono abbassare la guardia come spiegato anche dalla direttrice di rianimazione, la dottoressa Alessandra Ferretti che ha definito “complicata” la situazione attuale. Nelle ultime ore i ricoveri Covid in ospedale sono aumentati e così ripartiti: 6 in terapia intensiva, 22 nei reparti Covid e 19 nel reparto di malattie infettive.

 

La campagna vaccinale però non si ferma, con 19.272 dosi di vaccino somministrate e oggi, a partire dalle ore 11 presso il Centro vaccinale del Laboratorio Analisi dell’Ospedale De Lellis di Rieti, si terrà la prima giornata dedicata ai pazienti con obesità che verranno vaccinati grazie all’iniziativa della Asl di Rieti, dedicata ai pazienti estremamente vulnerabili. Sono circa 250 i cittadini cui verrà somministrato il vaccino divisi oggi e domani, dalle 8 alle ore 20.

La Asl Rieti ha sottolineato che si cercherà di velocizzare il ciclo vaccinale, ampliando l’orario di somministrazione e il numero di dosi, così da ridurre l’attesa per tutti i cittadini. Dalla mezzanotte sono ripartite le prenotazioni online per gli over 72 anni e della fascia 70-71 anni. Si continua a marciare per tentare di sconfiggere il virus sul tempo.