Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti Covid, tutti vaccinati i pazienti oncologici. Quattrocento malati hanno ricevuto la dose

  • a
  • a
  • a

Conclusa la campagna vaccinale per i malati oncologici in provincia di Rieti. Lo ha ufficializzato la Asl con una nota inviata nel pomeriggio del 17 marzo:  "La Asl di Rieti comunica che si è conclusa la vaccinazione anti-covid19 dei pazienti oncologici in trattamento attivo presso il reparto di Oncologia Medica dell’ospedale de’ Lellis di Rieti diretto dalla dottoressa Anna Ceribelli.  400 i pazienti sottoposti alla vaccinazione presso il Centro vaccinale ex Bosi nelle giornate del 1 marzo, dell’8 marzo e del 15 marzo 2021", si leggen nella nota.

 

L’emergenza Covid19, anche durante questa nuova fase di lockdown, non ha interrotto né ridimensionato le attività di prevenzione legate agli screening oncologici e la promozione alla partecipazione dei cittadini ai percorsi organizzati dalla Asl di Rieti.  Eseguire periodicamente gli esami di screening permette di diagnosticare precocemente un tumore e di curarlo con tempestività e con maggiori probabilità di successo. Sono attivi programmi di prevenzione e diagnosi precoce dei tumori della cervice uterina, della mammella e del colon-retto.  Per informazioni dettagliate sui percorsi organizzati e le modalità di prenotazione è possibile contattare il numero 800.64.69.99 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle 13:00, mentre dopo tale orario è possibile lasciare un messaggio nella segreteria telefonica del Numero indicato  o inviare una mail alla [email protected] per essere ricontattati dal personale di segreteria. 

 

Intanto per coloro che sono stati già vaccinati è in arrivo il certificato. Dal 20 marzo 2021 il sistema Avr (Anagrafe Vaccinale Regionale) rilascerà al fascicolo sanitario elettronico (Fse) di ogni assistito che ha completato il ciclo vaccinale (prima e seconda dose) l’attestato vaccinale dotato di sigillo digitale della Regione Lazio dove saranno riportati i dati anagrafici, la data di prima e seconda somministrazione, il tipo di vaccino somministrato, il codice Aic e il lotto di produzione. L’attestato sarà dotato di un QR Code per verificarne l’autenticità attraverso l’App “salutelazio”.