Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, viaggia in Mercedes ma prende il reddito di cittadinanza. Denunciato un romano che diceva di abitare a Fiamignano

  • a
  • a
  • a

Aveva dichiarato di risiedere in una casa disabitata di Fiamignano mettendo nero su bianco che era in stato di povertà. In realtà guida una lussuosa Mercedes, abita in un appartamento di Roma ed è il compagno di una donna che è la titolare di un'attività commerciale. L'uomo è stato denunciato dai carabinieri.

 

Le indagini nei confronti dell'uomo sono partite dopo che si è scoperto il suo nome nei registri dell'anagrafe del Comune. Ha dichiarato di abitare in una casa presa in comodato d’uso, ed è risultato un percettore del reddito di cittadinanza. La presenza nei registri dell’anagrafe dello sconosciuto cittadino ha insospettito i carabinieri della stazione di Fiamignano, che vogliono vederci chiaro. Così è nata un’indagine condotta dal nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Cittaducale, che, unitamente alla locale stazione, in poco tempo, ha accertato la presunta truffa.  L’uomo, un settantenne romano, residente in un’abitazione disabitata nel piccolo centro del Cicolano, seppur sposato, ha dichiarato uno stato di famiglia da singolo componente e un totale stato di povertà, facendosi attribuire dall’Inps 600 euro al mese. 

 


La verità accertata dai carabinieri, però, è un'altra: il romano è tutt’altro che indigente, è un distinto uomo che abita da anni in un bell’appartamento della Capitale, è sposato e convive con una donna amministratrice di un avviato esercizio commerciale che opera nel campo dell’abbigliamento, e guida una Mercedes da circa 40.000 euro.  Gli accertamenti dei carabinieri sono stati così approfonditi da scoprire come la moglie del falso povero, proprietaria da poco anche di un altro costoso immobile in una provincia vicina, facesse regolare uso proprio di quella carta ove al marito viene regolarmente accreditato il beneficio statale. Insomma, ancora una volta la conoscenza del territorio e la presenza anche nei piccoli comuni dei militari dell'Arma si è rivelata decisiva per scoprire questo tipo di truffe.