Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Chi più differenzia meno paga: la rivoluzione della "strategia rifiuti zero"

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

La giunta ha approvato ieri (giovedì 11), su proposta dell'assessore all'Ambiente, Carlo Ubertini, una importante delibera di adesione alla cosiddetta "strategia rifiuti zero" che punta ad abbattere significativamente la quantità di residuo attraverso politiche di riduzione, riuso e riciclo dei materiali. "Concluso il percorso tecnico gestionale del porta a porta - chiarisce l'assessore Ubertini - sul territorio comunale, l'Amministrazione intende promuovere il salto culturale dalla gestione alla strategia, dal metodo al sistema. In tal senso va letta l'adesione alla 'strategia rifiuti zero', quale indirizzo da attribuire alla nostra comunità in termini di nuovi stili di vita e modelli di sviluppo”. Fissando un arco temporale di 5 anni, dal 2017 al 2022, il Comune introduce la città nell'ambito di un percorso virtuoso, tendente a minimizzare la quantità di residuo attraverso politiche di riduzione, riuso e riciclo di materiali a vantaggio dell'ambiente e a sostegno della nuova economia circolare. La nascita di strutture formative ed informative, osservatori e sportelli, nuove pratiche nuove tecniche e impianti (ad esempio l'impianto di selezione a Casapenta per una ulteriore selezione dei rifiuti già differenziati la cui progettazione ha avuto tutte le autorizzazioni e il Comune sta ora procedendo con l'esproprio del terreno su cui sorgerà), fino alle agevolazioni fiscali attraverso la 'tariffa puntuale' e le premialità per il compostaggio domestico saranno gli elementi cardine del nuovo sistema. Un sistema, quello legato in particolare alla tariffa puntuale (ispirata al principio dell'equità contributiva per cui chi produce meno residuo - ciò che residua della raccolta differenziata - più differenzia e avrà quindi agevolazioni tariffarie) e al compost domestico, che entrerà a regime nel 2018 quando cioè l'amministrazione avrà completato l'estensione del porta a porta a tutto il territorio comunale e potrà applicare il nuovo sistema tariffario.