Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fiano, i sindaci dicono no alla discarica di Magliano Romano

  • a
  • a
  • a

Fiano Romano, nuovo secco “no” della conferenza dei sindaci dell’area Tiberina al progetto di realizzazione della tanto contestata discarica di Magliano Romano, riunitasi proprio alla vigilia dell’atteso vertice della direzione ambientale della Regione, in programma questa mattina, per analizzare la Valutazione di Impatto Ambientale (Via) relativa al progetto.

 

L’incontro, fortemente voluto dal sindaco di Magliano Romano Francesco Mancini, che è anche membro della conferenza presieduta dal collega primo cittadino di Fiano Romano, Ottorino Ferilli, ha voluto fare il punto sulla situazione, dopo che a distanza di sette anni dalla presentazione del progetto di riclassificazione della discarica di Magliano Romano, presentato dalla società Idea 4 srl, ha convocato la conferenza conclusiva sulla procedura di Via. La questione ha sollevato e raccolto le preoccupazioni di tutti i sindaci della Conferenza, soprattutto perché il nuovo piano di gestione dei rifiuti della Regione Lazio, in molti passaggi, sembra che lasci “a casa” tutti quei vincoli e criteri per la localizzazione degli impianti, permettendo di fatto una riclassificazione quasi d’ufficio.

 

Così come più volte accaduto nel 2014, anche nell’incontro di ieri, 23 febbraio, la conferenza dei sindaci all’unanimità (Campagnano di Roma, Capena, Castelnuovo di Porto, Civitella San Paolo, Fiano Romano, Filacciano, Formello, Magliano Romano, Mazzano Romano, Morlupo, Nazzano, Ponzano Romano, Riano, Rignano Flaminio, Sacrofano, Sant’Oreste, Torrita Tiberina) ha ribadito la propria contrarietà alla possibile riclassificazione della discarica, un’operazione che ancora oggi manca di chiarezza e trasparenza. La Conferenza ha inoltre protocollato un documento per chiedere alla Regione Lazio “Se è stata fatta una valutazione puntuale sull’impatto ambientale che avrebbe la possibile riclassificazione di tutte le discariche di inerti presenti sul territorio”, e “di istituire il tavolo tecnico sui rifiuti con i Comuni dell’Area Tiberina che molto spesso diventano il salvagente per Roma”.

“Non è ammissibile che a distanza di anni ancora sulla questione si percepisca un silenzio pesante e preoccupante - ha dichiarato il presidente della Conferenza e sindaco di Fiano Romano, Ottorino Ferilli - ma sono sempre più convinto che le parole dei sindaci debbano tenersi in grande considerazione soprattutto in tutte quelle sedi dove si decide della vita e del futuro delle nostre comunità. Esprimo la piena soddisfazione per la compattezza della Conferenza, che in tutti questi anni si è sempre mostrata unita nel voler tutelare persone, ambiente e territorio”.