Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Maxi ammanco in cassa, bilanci sotto la lente degli uffici comunali

default_image

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

Continua senza sosta il lavoro degli uffici per fare luce sul “buco” di bilancio scoperto da qualche giorno nei conti del Comune. Prima di marterdì - giorno in cui il sindaco Alfredo Graziani sarà in Prefettura per relazionare sulla vicenda - dovrebbe esserci un quadro più chiaro sulla situazione che ha choccato l'opinione pubblica maglianese. Dagli accertamenti sulla trimestrale di cassa 2017 e sui conti del 2016, sarebbe stato riscontrato un ammanco stimato in 150-200mila euro. I conti non tornerebbero in più parti. Come noto il Comune, dopo la relazione del revisore dei conti, ha presentato un esposto, indirizzato alla Procura di Rieti e alla Procura regionale della Corte dei conti, alla caserma dei carabinieri di Magliano Sabina. I sospetti si sono concentrati su un dipendente del settore ragioneria a carico del quale il Comune ha avviato, come da prassi, un procedimento disciplinare che ha i suoi tempi (la controparte ha 20 giorni per presentare memorie “difensive”). Nel frattempo indagano Procura e Corte dei Conti. Spetterà a loro stabilire la veridicità e l'ammontare dell'ammanco e le eventuali responsabilità penali e contabili. Nel frattempo negli uffici del Comune si è formata una sorta di “squadra” che sta passando al setaccio i documenti contabili per verificare la presenza di altre, eventuali, anomalie. I controlli per il momento avrebbero riguardato il 2016, parte del 2015 e alcuni documenti del 2014. La cifra dell'ammanco stimato non sembra discostarsi dalle cifre che circolano fin da inizio settimana. Ovviamente si tratta di una stima che, occorre ricordarlo, andrà verificata dalla Corte dei Conti. L'amministrazione, oltre alla verifica, dovrà impegnarsi anche a chiudere il rendiconto 2016 e in questo senso l'incontro in Prefettura diventa cruciale.