Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fara Sabina: Polizia locale, tensione in Consiglio dopo la rottura con l'Unione Valle dell'Olio

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

Il Comune di Fara Sabina è uscito dalla convenzione per la gestione associata della polizia locale con l’Unione della Valle dell’Olio perché da parte della stessa Unione dei Comuni, a partire da ottobre del 2019, c’è stata l'omessa produzione della documentazione economica che avrebbe dovuto consentire all’Ente farense guidato dal sindaco Roberta Cuneo di valutare, durante il periodo di prova previsto (un anno), la convenienza dell’appartenenza all’Unione, come previsto dalla stessa convenzione. Tale omessa documentazione, secondo la tesi sostenuta dall’amministrazione comunale, non ha reso possibile effettuare quel tipo di valutazioni, motivo più che sufficiente per procedere allo scioglimento della stessa, con approvazione da parte del consiglio stesso. Non solo. Secondo quanto riferito in aula, durante l’ultima assise, in risposta all’interrogazione presentata dal gruppo di minoranza “Il Ponte”, l’amministrazione comunale ha sostenuto anche di aver tentato bonariamente di trovare una soluzione con l’Unione dei Comuni della Valle dell’Olio, che però non avrebbe portato a nessun esito positivo. Di qui la drastica decisione presa dalla maggioranza.

 

“Auspichiamo che si riesca a trovare una soluzione bonaria, e che Fara in Sabina non venga considerata sempre solo come lo strumento per reperire fondi che in altro modo non sarebbe possibile acquisire - fa sapere Nicoletta Giuli, membro del gruppo di minoranza Il Ponte – continueremo a monitorare la vicenda, e chiederemo di venire a conoscenza dei suoi sviluppi”.
Chissà se la tesi sostenuta dal Comune di Fara Sabina sarà condivisa, inoltre, dagli esponenti dell’Unione della Valle dell’Olio, pronti ad appellarsi al Tribunale amministrativo regionale del Lazio per l’uscita dalla convenzione del Comune farense. Se ne saprà di più nelle prossime ore.

 


 

Altro tema caldo, nel corso dell’ultimo consiglio comunale, è stato quello relativo alla viabilità interna, e più in particolare ai lavori di manutenzione delle strade locali.  “Abbiamo appreso che alcuni interventi sono pronti a partire, come quello lungo la tratta di competenza comunale della Salaria, quelli già finanziati di via dei Cavalli, via Grotte di Torri e via Marzabotto – riferiscono ancora i componenti de “Il Ponte” - mentre per la riqualificazione di via dell’Arci si attende la risposta su un finanziamento richiesto al Ministero dell’Interno”.  “Finalmente per la prima volta dopo ben 10 anni questa maggioranza metterà, forse, qualche soldo sulle strade, perché fino ad oggi ne sono stati messi pochi – tuonano i consiglieri di Fara Merita, Lara Scipioni, Franco Cipriani e Vincenzo Mazzeo - meglio tardi che mai, attendiamo l’inizio dei lavori”.