Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti truffano anziana e le prosciugano il conto corrente. Denunciati in due

Esplora:

In un'altra operazione sono state identificate due persone che avevano proposto una falsa vendita sul web

  • a
  • a
  • a

Hanno truffato un'anziana riuscendo a prelevare una grossa somma dal suo conto corrente. Un uomo e una donna, si sono spacciati, al telefono, per dipendenti della banca dove l’ignara vittima, una donna di Rieti di 67 anni, ha il conto corrente e sono riusciti, usando modi gentili e argomentazioni persuasive, a convincerla a dare loro le credenziali d’accesso al conto on line della vittima. Una volta ottenute le credenziali dell’home banking, sono riusciti a effettuare una serie di bonifici, per l’ammontare complessivo di 18.000 euro, su un conto corrente a loro riconducibile. E' accaduto nei giorni scorsi a Rieti e i carabinieri, una volta ricevuta la denuncia, si sono messi alla ricerca dei responsabili. Alla fine, attraverso una serie di accertamenti incrociati, sono riusciti a risalire ai presunti truffatori: si tratta di un uomo e una donna che, si sospetta, potrebbero aver messo a segno altre truffe simili in danno di persone indifese. In questo senso stanno continuando gli accertamenti dei carabinieri.

Ma in totale negli ultimi giorni i carabinieri hanno denunciato 4 persone per truffa. Le altre due sono accusate di aver promosso una falsa vendita sul web. La vittima è una 28enne reatina che, attirata da un annuncio "civetta" sul web ha deciso di acquistare lo smartphone proposto. Come pattuito con i venditori online - che in realtà si sono poi rivelati dei truffatori - ha versato una somma non indifferente: 500 euro. Ma dopo aver incassato i soldi i venditori, come troppe volte capita nel web, hanno fatto perdere le loro tracce e del cellulare, ovviamente, neppure l'ombra. 

La ragazza si è dunque vista costretta a presentare una denuncia ai carabinieri. I militari, anche in questo caso, sono risaliti a un uomo e una donna denunciati a piede libero dai militari del capoluogo per l'ipotesi di reato di truffa.