Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, allarme maltempo. Il sindaco: "I fiumi Velino e Turano possono esondare ancora" | Video

  • a
  • a
  • a

Continua l'emergenza maltempo nella città di Rieti e soprattutto nella Piana già provata dalle esondazioni dei fiumi Velino e Turano causate dall'apertura della Diga del Turano per le piogge cadute nelle ultime settimane. Nella serata del 29 gennaio intorno alle 23 il sindaco Antonio Cicchetti ha pubblicato un nuovo messaggio comunicando che l'allerta maltempo continuerà a mettere a dura prova il territorio anche nei prossimi giorni.

Questo il messaggio: "La Prefettura ci ha comunicato che lo stato di allerta purtroppo non cessa in relazione alle condizioni metereologiche che si profilano in queste ore.Raccomandiamo dunque la massima vigilanza a tutti quanti tenendo presente che possono esserci ulteriori allargamenti della capacità di debordare dei fiumi. E' evidente che accanto alla vostra vigilanza c'è il nostro lavoro di controllo e di verifica. C'è una forza notevole di volontari che sono al lavoro in queste ore per rinforzare gli argini e ascoltare i bisogni della popolazione. Raccomandiamo di rivolgersi al Coc che sta lavorando giorno e notte. Raccomandiamo di essere puntuali nella segnalazione di eventuali problemi in modo tale che si possa intervenire immediatamente con la massima disponibilità delle forze in campo".

A seguito della riunione del 29 gennaio del Coordinamento di soccorso pubblico coordinata dalla Prefettura di Rieti, è stato comunicato che la società che gestisce la diga del Turano effettuerà manovre di scarico per abbassare il livello della diga stessa. E’ proseguito per l’intera giornata il lavoro delle varie squadre di Protezione Civile in campo per le conseguenze dell’esondazione del fiume Turano. Nuovi interventi di posizionamento dei sacchetti sono stati effettuati in varie aree interessate dagli allagamenti mentre in altre (es: via Prati, via Pantane) si è provveduto alla chiusura di falle nelle sponde. Inoltre, sono stati effettuati interventi di recupero di animali da terreni e proprietà ancora isolate e svuotamento di abitazioni dall’acqua.