Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, allagamenti nella piana e strade interrotte per il maltempo. Vertice in Prefettura

  • a
  • a
  • a

Sono proseguiti in Prefettura, anche nella giornata del 29 gennaio, in videoconferenza nel rispetto della normativa anticovid, i lavori del centro coordinamento soccorsi, al fine di monitorare l’evoluzione del fenomeno di piena in atto. Nelle riunioni, alla presenza dei sindaci interessati, gli organi tecnici hanno individuato le manovre più idonee a contemperare l’esigenza di abbassamento del livello del lago di Turano, in vista dell’atteso peggioramento delle condizioni meteo per i prossimi giorni, con quella di contenere quanto più possibile i disagi a valle.

 

 

La Prefettura ha invitato, inoltre, i sindaci ad effettuare nei confronti della popolazione, una corretta azione informativa. È stata esaminata, altresì, in un apposito tavolo, la situazione del Comune di Marcetelli, che da alcuni giorni è isolato per una frana dovuta al maltempo e per il pericolo di caduta di un grosso masso a monte della strada provinciale 29, nel tratto che ricade nel territorio del Comune di Varco Sabino, che costituisce l’unica via di accesso al centro storico.

 

Hanno partecipato all’incontro i rappresentanti dell’amministrazione provinciale di Rieti, della direzione regionale lavori pubblici e dell’Agenzia regionale della protezione civile, dei vigili del fuoco di Rieti, nonché dei sindaci dei Comuni di Marcetelli e di Varco Sabino. Il tavolo, preso atto degli esiti dei sopralluoghi congiunti effettuati nei giorni precedenti da parte dei vigili del fuoco, dell’Esercito e della Provincia, ha ritenuto, quale misura più idonea per consentire la riapertura della strada nei tempi tecnici strettamente necessari, l’intervento sul luogo di una ditta specializzata che provveda alla rimozione in sicurezza del grosso masso, che insiste a monte della strada provinciale stessa. E’ proseguito per l’intera giornata il lavoro delle varie squadre di Protezione Civile in campo per le conseguenze dell’esondazione del fiume Turano. Nuovi interventi di posizionamento dei sacchetti sono stati effettuati in varie aree interessate dagli allagamenti mentre in altre (es: via Prati, via Pantane) si è provveduto alla chiusura di falle nelle sponde. Inoltre, sono stati effettuati interventi di recupero di animali da terreni e proprietà ancora isolate e svuotamento di abitazioni dall’acqua.